Una muffa melmosa di 100 milioni di anni fa conservata nell’ambra

Ambra contenente una zampa di lucertola e una muffa melmosa (Immagine cortesia Alexander Schmidt, University of Göttingen and Scientific Reports)
Ambra contenente una zampa di lucertola e una muffa melmosa (Immagine cortesia Alexander Schmidt, University of Göttingen and Scientific Reports)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive la scoperta della più antica muffa melmosa identificata, attribuita al genere Stemonitis. Si tratta di una muffa fossile risalente a circa 100 milioni di anni fa conservata in modo eccellente in un pezzo di ambra scoperto in Myanmar. Jouko Rikkinen, David Grimaldi e Alexander Schmidt hanno esaminato questo fossile, molto utile per ricostruire la storia evolutiva di questi organismi parte del gruppo dei mixomiceti (Myxomycota), una storia poco conosciuta per la scarsità di fossili.

I mixomiceti, conosciuti in italiano come muffe melmose, muffe mucillaginose o anche come funghi mucillaginosi sebbene non siano realmente funghi, fanno parte del grande gruppo degli amebozoi (Amoebozoa), organismi eucarioti ancora difficili da classificare. Potrebbero costituire un gruppo imparentato sia con i funghi veri e propri che con gli animali ma si tratta di una classificazione ancora in discussione.

I fossili più antichi associati ai mixomiceti sono stati scoperti in rocce che hanno 750 milioni di anni ma si tratta di ritrovamenti rari perché i loro cosiddetti corpi fruttiferi livono molto poco. La coseguenza è che la ricostruzione della loro evoluzione è difficile e il ritrovamento di questo tipo di muffe ottimamente conservate in un pezzo di ambra potrebbe costituire un bell’aiuto.

Il fossile oggetto di questo studio è stato scoperto in un pezzo d’ambra datato circa 100 milioni di anni e quindi risalente al periodo Cretaceo. La presenza di una zampa di lucertola suggerisce che l’animale abbia strappato i corpi fruttiferi di una muffa da un albero e, assieme ad essi, sia rimasta impigliata nella resina dell’albero che successivamente si è fossilizzata in quel pezzo d’ambra.

Una sorpresa per i ricercatori è arrivata dal fatto che le caratteristiche della muffa fossile indicano che appartenga a un genere che esiste ancora chiamato Stemonitis. Il professor Alexander Schmidt, un paleontologo dell’Università di Gottinga, in Germania, il principale autore dello studio, ha dichiarato che questo fossile offre informazioni uniche riguardanti la longevità e gli adattamenti ecologici dei mixomiceti. Muffe di quel tipo che spargono spore molto piccole usando il vento hanno un vantaggio.

Muffe di questo tipo non sono interessanti per il pubblico quanto animali dell’epoca come i dinosauri ma sono interessanti dal punto di vista scientifico per il loro ruolo negli ecosistemi in cui vivono. Esse contribuiscono alla decomposizione di piante morte e si nutrono anche di funghi e batteri. Sapere che nel periodo Cretaceo esistevano specie simili ad alcune esistenti oggi offre alcune informazioni sugli ecosistemi dell’epoca in cui vivevano.

Particolare dei corpi fruttiferi della muffa melmosa fossile (Immagine cortesia Alexander Schmidt, University of Göttingen and Scientific Reports)
Particolare dei corpi fruttiferi della muffa melmosa fossile (Immagine cortesia Alexander Schmidt, University of Göttingen and Scientific Reports)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *