Una nuova datazione dell’ultima popolazione conosciuta di Homo erectus a Giava

Calotta cranica di Homo erectus di Ngandong
Calotta cranica di Homo erectus di Ngandong

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta una ricerca sull’ultima popolazione conosciuta di Homo erectus. Un team di ricercatori ha compiuto una nuova serie di datazioni di frammenti fossili e sedimenti presenti nel sito di Ngandong, sull’isola di Giava, dove gli esemplari attribuiti a quella specie vennero scoperti concludendo che quella popolazione visse tra 108.000 e 117.000 anni fa. Le datazioni precedenti avevano fornito risultati molto variabili, un risultato preciso può aiutare a capire la storia degli ominini nel sud-est asiatico. Quella popolazione potrebbe in realtà essere un incrocio tra Homo sapiens e un’altra specie di ominini, spiegando alcune sue caratteristiche peculiari.

Tra il 1931 e il 1933 varie ossa di ominini appartenenti a 18 esemplari vennero scoperte nel sito di Ngandong, vicino a un villaggio lungo il fiume Solo, sull’isola di Giava. Non erano i primi scoperti a Giava e successivamente attribuiti alla specie Homo erectus ma questi (foto calotta cranica ©Ryan Somma) mostravano alcune caratteristiche anatomiche peculiari e gli utensili trovati nel sito di Ngandong erano più avanzati rispetto a quelli degli altri siti sull’isola. Ciò ha portato nel corso del tempo a diverse classificazioni per questi fossili fino a quella di Homo erectus soloensis.

La datazione dei fossili di Ngandong è stata complessa perché le caratteristiche del sito rendono il lavoro difficile per la complessità geologica con vari strati di sedimenti e perché le informazioni sulle posizioni dei ritrovamenti delle ossa sono state registrata in maniera vaga rispetto ai precisi lavori paleontologici dei decenni successivi. Resti di altri animali erano stati scoperti nello stesso sito ma non erano stati considerti importanti e andarono persi. Il risultato è che i vari tentativi di datazione hanno fornito risultati diversissimi che vanno da un minimo di 27.000 anni a un massimo di 500.000 anni.

I ricercatori che hanno compiuto questo nuovo studio hanno cercato tutte le informazioni esistenti sugli scavi compiuti al sito di Ngandong e sono andati a cercare nuovi fossili, trovando molti frammenti di ossa di animali, utili per nuove datazioni. Anche campioni di sedimenti sono stati prelevati dal sito e ulteriori informazioni sono state raccolte conducendo un’analisi geologica che ha fornito informazioni cronologiche su Ngandong nel contesto dell’area circostante.

Una serie di 52 datazioni è stata compiuta su sedimenti fluviali e fossili prelevati nel sito di Ngandong e i risultati indicano che l’età del sito e qundi anche degli Homo erectus soprannominati uomini di Solo è tra 108.000 e 117.000 anni. Si tratta di un periodo successivo a quello in cui, circa 130.000 anni fa, quell’ambiente cambiò passando da una vasta prateria a una foresta pluviale tropicale. Quel notevole cambiamento viene considerato una possibile ragione per il calo della popolazione degli Homo erectus di Giava e ha senso che l’ultima popolazione di quella specie sia vissuta tra 13.000 e 22.000 anni dopo.

La dottoressa Kira Westaway della Macquarie University, tra i principali autori di questo studio, ha spiegato che la nuova stima indica che gli Homo erectus di Ngandong potrebbero aver incontrato i Denisova, un’altra specie di ominini conosciuta solo grazie a poche ossa che per fortuna in Siberia si sono ben conservate, al punto che è stato possibile recuperare frammenti di DNA. C’è perfino la possibilità che la popolazione di Ngandong fosse il frutto dell’incrocio tra le due specie. Purtroppo in un’area come Giava le condizioni di temperatura e umidità non sono per nulla favorevoli alla conservazione del DNA rendendo davvero improbabile la possibilità di trovare ancora dei frammenti nelle ossa degli uomini di Solo.

Se la datazione compiuta in questo studio verrà confermata, costituirà un aiuto alle ricerche sulla diffusione di ominini nel sud-est asiatico. In particolare, offrirà informazioni importanti sulla storia dell’Homo erectus, una specie antenata dell’Homo sapiens, ma le ramificazioni di quella storia potrebbero riguardare anche altre specie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *