Il vento dal nulla di J.G. Ballard

Il vento dal nulla di J.G. Ballard (edizione britannica)
Il vento dal nulla di J.G. Ballard (edizione britannica)

Il romanzo “Il vento dal nulla” (“The Wind from Nowhere”) di J.G. Ballard è stato pubblicato per la prima volta nel 1961 in due parti sulla rivista “New Worlds Science Fiction” e nel 1962 come libro. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 288 e 621 di “Urania”, all’interno del “Millemondiestate 1981” e all’interno del n. 11 de “I Massimi della Fantascienza” nella traduzione di Mario Galli.

Quando il dottor Donald Maitland torna a casa da sua moglie dopo aver terminato un lavoro, si rende conto che il vento sta raggiungendo una forza fuori dal normale. Quello che sembra un evento anomalo è solo l’inizio di un fenomeno globale perché in tutto il mondo il vento comincia a essere talmente forte da avere effetti sempre più distruttivi.

Le autorità britanniche cercano di organizzare una risposta al pericolo crescente del vento ma l’unica soluzione che appare percorribile in tutto il mondo sembra trasferire i sopravvissuti nel sottosuolo. L’unica eccezione è costituita dalla costruzione di una piramide abbastanza robusta da poter sostenere la potenza di un vento distruttivo come nessuno mai prima.

J.G. Ballard aveva cominciato la sua carriera di scrittore nella seconda metà degli anni ’50 e per alcuni anni aveva pubblicato narrativa breve. Deciso a diventare scrittore a tempo pieno, scrisse il suo primo romanzo molto rapidamente con lo scopo di entrare in un mercato diverso da quello a cui era abituato. “Il vento dal nulla” venne comunque pubblicato prima su rivista e dopo alcuni mesi come libro.

“Il vento dal nulla” inizia una sorta di quadrilogia catastrofista in cui la civiltà umana crolla a causa di qualche forza della natura. In questo caso la causa della catastrofe globale è il vento, di cui l’autore non spiega mai l’origine. Semplicemmente, per ragioni sconosciute il vento comincia ad aumentare di intensità fino a raggiungere una crescente forza distruttiva.

La parte iniziale de “Il vento dal nulla” esplora i crescenti problemi creati dal vento. Inizialmente sembrano poco più che fastidi con conseguenze come qualche vetro rotto per poi cominciare a diventare davvero seri quando le automobili vengono spostate qua e là. A quel punto, per la gente il vento diventa un pericolo e per quasi tutti l’unico rifugio sembra essere il sottosuolo. L’unica eccezione arriva dalla costruzione di una piramide che dovrebbe reggere anche ai terribili venti che stanno demolendo qualsiasi altro edificio.

La maggior parte de “Il vento dal nulla” esplora le conseguenze del vento sulla civiltà umana, che si sfascia piuttosto rapidamente. I sopravvissuti devono rifugiarsi nel sottosuolo cercando di recuperare più risorse possibili e ciò comincia a provocare scontri per accaparrarsele.

Per molti versi “Il vento dal nulla” è un tipico romanzo apocalittico ma si cominciano a vedere gli elementi, compresi quelli psicologici, caratteristici di J.G. Ballard. I personaggi reagiscono in vari modi alla catastrofe, in certi casi con lotte per le risorse ancora disponibili ma in molti altri creando legami più forti di quelli che si possono creare in condizioni normali.

Diversi personaggi diventano importanti in diverse parti de “Il vento dal nulla” ma il dottor Donald Maitland è quello che è maggiormente protagonista, anche con la sua storia personale. Fin dall’inizio, viene spiegato che il matrimonio tra lui e sua moglie Susan non è esattamente una storia romantica. Anche l’accordo tra marito e moglie viene sottoposto a tensioni crescenti in seguito agli eventi catastrofici causati dai venti crescenti.

Anni dopo la pubblicazione de “Il vento dal nulla”, J.G. Ballard sostanzialmente lo rinnegò, considerandolo un lavoro affrettato. Ciò mi è parso vero soprattutto per il finale e il romanzo avrebbe avuto bisogno di un po’ di lavoro di revisione per sviluppare e armonizzare meglio le varie parti. Questi difetti risultano ancor più evidenti dopo aver letto i romanzi successivi di quest’autore. Alla fine non è così male ma secondo me oggi ha senso leggerlo se si vuole vedere l’evoluzione dell’autore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *