Edwin Hubble nacque 130 anni fa

Edwin Hubble
Edwin Hubble

Edwin Power Hubble (foto ©Margaret Harwood, cortesia AIP Emilio Segrè Visual Archives) nacque il 20 novembre 1889 a Marshfield, nel Missouri, negli USA.

Quando era adolescente, Edwin Hubble si fece notare per le sue abilità atletiche praticando molti sport a livello scolastico. Nonostante ciò, a scuola ebbe buoni voti e all’Università di Chicago conseguì una laurea in scienze nel 1910. Successivamente però passò a giurisprudenza per una promessa fatta a suo padre e al Queen’s College ad Oxford conseguì un master. Suo padre morì nel 1913 e il giovane Edwin perse motivazioni riguardo agli studi di legge. Inizialmente si dedicò all’insegnamento scolastico ma decise di tornare all’astronomia e all’Università di Chicago, dove ottenne il dottorato nel 1917.

Nel 2017 gli USA entrarono nella I Guerra Mondiale ed Edwin Hubble si arruolò nell’esercito americano. Nel 1918 venne inviato in Europa ma la divisione in cui prestava servizio finì per non partecipare ad azioni di guerra. Dopo la fine della guerra, Hubble rimase in Europa per un anno, a Cambridge, per ulteriori studi di astronomia.

Tornato negli USA, a Edwin Hubble venne offerto un lavoro all’Osservatorio Wilson, in California, dal suo fondatore e direttore George Ellery Hale. In quel periodo venne completata la costruzione del Telescopio Hooker da 100 pollici, che divenne il più potente del mondo. Le osservazioni compiute negli anni successivi gli permisero di trovare stelle variabili cefeidi, utilizzabili per calcolare le distanze delle nebulose che le ospitano e di provare che esse erano esterne alla Via Lattea, contraddicendo la teoria che allora godeva di maggiore considerazione.

Altri studi di Edwin Hubble riguardarono lo spostamento verso il rosso (redshift) delle galassie. Gli strumenti dell’epoca erano limitati ma Hubble riuscì comunque ad arrivare al concetto di un universo in espansione, la prima prova della teoria del Big Bang proposta per la prima volta da Georges Lemaître. All’epoca però le stime della velocità di espansione dell’universo, che successivamente venne chiamata anche Costante di Hubble, erano molto superiori a quelle successive, indicando che l’universo era nato circa due miliardi di anni fa.

Per le sue scoperte, Edwin Hubble ricevette una serie di onoreficenze ma all’epoca l’astronomia non veniva considerata collegata alla fisica e di conseguenza gli studi in quel campo non venivano tenuti in considerazione nell’assegnazione del premio Nobel per la fisica. Hubble e altri astronomi cercarono di cambiare la situazione ma il successo arrivò solo dopo la sua morte e il Nobel non può essere assegnato in maniera postuma.

Edwin Hubble ebbe i primi seri problemi di salute nel 1949, con un attacco cardiaco. Sua moglie Grace, che l’aveva sposato nel 1924, si prese cura di lui e Hubble cambiò dieta e orari di lavoro per limitare i rischi per la salute. Morì il 28 settembre 1953 in seguito a una trombosi cerebrale.

Parecchi progressi nell’astronomia sono arrivati anche grazie agli studi di Edwin Hubble. Al più famoso telescopio spaziale è stato dato il suo nome ed è il più celebre tra i tanti omaggi a questo grande astronomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *