Denti fossili di 8-9 milioni di anni fa scoperti nello Yukon sono stati attribuiti a un antico rinoceronte


Un articolo pubblicato sulla rivista “American Museum Novitates” riporta la descrizione delle prime tracce di fossili di vertebrati probabilmente risalenti a 8-9 milioni di anni fa, nel periodo Neogene, che includono rinoceronti. Un team di ricercatori guidato da Jaelyn Eberle del Museo di Storia Naturale dell’Università del Colorado a Boulder ha sottoposto i fossili a esami sofisticati come quello al microscopio elettronico per esaminarne le caratteristiche e identificare se non la specie almeno la famiglia di appartenenza. Ciò ha permesso di stabilire che si trattava ad esempio di frammenti di guscio di tartaruga e testuggine e di denti di rinoceronte.

Nel 1973, l’insegnante Joan Hodgins e i suoi studenti scoprirono vari fossili vicino a Whitehorse, nel territorio dello Yukon, in Canada. Si trattava di vari frammenti, troppo piccoli e malandati perché qualche paleontologo li esaminasse ma a decenni di distanza è stato possibile usare tecnologie moderne per riuscire ad avere un’attribuzione almeno approssimativa. Jaelyn Eberle è una curatrice di fossili di vertebrati al Museo di Storia Naturale dell’Università del Colorado a Boulder che assieme ad altri ricercatori ha esaminato questi fossili, i primi scoperti in quell’area di vertebrati risalenti probabilmente al periodo Neogene, tra 2,58 e 23 milioni di anni fa circa.

La foto in alto (Cortesia Grant Zazula; Jaelyn Eberle. Tutti i diritti riservati) mostra alcuni dei fossili esaminati. L’immagine in basso (Cortesia Julius Csotonyi. Tutti i diritti riservati) mostra un concetto artistico dell’ambiente del Neogene in cui vivevano un parente dei rinoceronti moderni assieme a tartarughe.

In Yukon sono stati trovati grandi quantità di fossili risalenti al Quaternario, il periodo successivo al Neogene, ma è la prima volta che sono state trovate prove della presenza di mammiferi più antichi a causa della rarità dei fossili di quelle epoche. Ciò nonostante il fatto che nel Neogene e nel periodo precedente, il Paleogene, l’odierna Russia e l’odierno Alaska fossero connessi da una terra allora emersa, con la conseguenza che i paleontologi credono che molte specie di mammiferi vivessero in quelle aree. Purtroppo le caratteristiche geologiche e ambientali non permettono una buona fossilizzazione perciò trovare frammenti di denti e ossa di quei periodi è già un grande risultato.

I fossili scoperti nel 1973 sono stati finalmente esaminati con tecnologie che hanno permesso di esaminare nei dettagli le loro caratteristiche. I denti dei mammiferi hanno caratteristiche dello smalto e altre che sono tipiche di diversi gruppi e in questo caso si tratta di quelle dei rinoceronti. Non sono sufficienti a identificare una specie precisa ma è già un passo avanti. Secondo Jaelyn Eberle, probabilmente aveva dimensioni simili a quelle del rinoceronte nero e si nutriva di foglie. Probabilmente era una specie che non aveva un corno sul muso.

Dopo essere rimasti per molti anni nella collezione del museo dello Yukon, questi fossili sono stati finalmente esaminati con un’attribuzione almeno approssimativa. È una storia piuttosto comune in tempi recenti nel campo della paleontologia grazie a tecnologie che oggi permettono di ottenere molte informazioni da fossili che in passato sembravano inutili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *