Artemis – La prima città sulla Luna di Andy Weir

Artemis - La prima città sulla Luna di Andy Weir
Artemis – La prima città sulla Luna di Andy Weir

Il romanzo “Artemis – La prima città sulla Luna” (“Artemis”) di Andy Weir è stato pubblicato per la prima volta nel 2017. In Italia è stato pubblicato da Newton Compton Editori nella traduzione di Marta Lanfranco.

Jasmine “Jazz” Bashara vivacchia facendo il corriere su Artemis, l’unica città sulla Luna, ma sogna di fare be altro e per accumulare i soldi necessari contrabbanda vari prodotti con l’aiuto di un contatto sulla Terra. Tra i suoi “clienti speciali” c’è anche Trond Landvik, un ricco uomo d’affari che un giorno le offre un sacco di soldi per sabotare i raccoglitori di anorite di Sanchez Aluminium, parte di un piano che gli porterebbe un ulteriore arricchimento.

Jazz cerca di mettere in atto il suo piano di sabotaggio ma gli imprevisti cominciano a mettersi in mezzo tra lei e i molti soldi che Trond Landvik le ha promesso. Le cose si mettono davvero male quando Jazz comincia a rendersi conto che dietro all’azienda c’è molto più di quanto sospettassero e ciò include anche la presenza di un assassino.

Andy Weir è diventato famoso grazie al notevole successo ottenuto con il romanzo “L’uomo di Marte“, al punto che è stato anche adattato in un film. Una caratteristica fondamentale di quel romanzo era la precisione con cui l’autore descriveva le varie tecnologie usate nel corso di una spedizione con astronauti su Marte e dal protagonista nel suo tentativo di sopravvivere sul pianeta rosso dopo che gli altri membri della spedizione erano ripartiti senza di lui credendolo morto. Weir ha avuto lo stesso tipo di approccio nello scrivere “Artemis – La prima città sulla Luna”.

Questo romanzo è ambientato negli anni ’80 del XXI secolo nella prima e in quel momento unica città sulla Luna. Il nome della città è un riferimento alla dea greca Artemide, sorella gemella di Apollo e nella religione greca associata alla Luna. Per questo motivo anche la NASA ha scelto il nome Artemis per la nuova missione lunare con astronauti che ufficialmente dovrebbe avvenire nel 2024.

La storia è narrata in prima persona da Jasmine “Jazz” Bashara e qui nasce il mio primo problema con il romanzo perché ho trovato questa protagonista discretamente fastidiosa. Ha 26 anni ma durante la sua adolescenza ha fatto un sacco di cazzate perché era un’adolescente ribelle e già qui la sua storia mi pare banale, il peggio è che ad anni di distanza si rende conto di aver fatto un sacco di cazzate ma continua imperterrita a farne.

Già ne “L’uomo di Marte” l’umorismo di Andy Weir mi aveva divertito ben poco, la stessa cosa è successa in “Artemis”. La situazione è simile con Jazz che, anche nei momenti più drammatici, sembra cercare a tutti i costi di fare battute. Oltre al fatto che nella maggior parte dei casi non ho trovato quelle battute divertenti, esse hanno tolto il senso del dramma alla narrazione. A ciò si aggiungono continue allusioni sessuali che sembrano messe lì tanto per mostrare che si tratta di un romanzo per adulti. Purtroppo Weir non è Heinlein e Jazz non è Friday.

La forza della storia sta nel fatto che viene sviluppata in modo da mettere in primo piano una serie di tecnologie, in particolare quelle usate per far funzionare la città di Artemis e permettere la sopravvivenza dei suoi abitanti e dei turisti che la visitano.

Andy Weir si è certamente documentato anche prima di scrivere “Artemis – La prima città sulla Luna” per cercare di prevedere gli sviluppi tecnologici dei prossimi decenni e descrivere in modo plausibile una città sulla Luna assieme alla vita e alle attività dei suoi abitanti. La conseguenza è che ogni evento del romanzo è accompagnato da informazioni tecnico-scientifiche che possono riguardare anche i rischi dell’ambiente lunare, che in ogni momento è potenzialmente letale a prescindere dai progressi tecnologici.

L’inserimento di quelle informazioni non è molto pesante perciò il ritmo della storia è piuttosto elevato, anche perché dopo la parte iniziale c’è tanta azione con sorprese e colpi di scena. I personaggi sono secondo me un po’ problematici perché sono mostrati dal punto di vista di Jazz e questo rende alcuni di essi quasi ridicoli.

Complessivamente, “Artemis – La prima città sulla Luna” non mi ha impressionato, soprattutto a causa della protagonista. La scelta di Andy Weir di scrivere un romanzo narrato in prima persona da un personaggio come Jazz pesa enormemente perciò ne consiglio la lettura solo a chi pensa di poterla sopportare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *