Probiotici e dieta equilibrata contro l’ansia

Lactobacillus acidophilus
Lactobacillus acidophilus

Un articolo pubblicato sulla rivista “General Psychiatry” riporta i risultati di una ricerca sugli effetti positivi della regolazione del microbiota intestinale nell’alleviare problemi dell’ansia. Un team di ricercatori del Centro di Salute Mentale di Shanghai alla Scuola di Medicina dell’Università Jiao Tong di Shanghai ha esaminato 21 studi che hanno coinvolto un totale di 1.503 persone trovando che nella maggior parte dei casi c’erano stati miglioramenti grazie a interventi di regolazione del microbiota intestinale, in alcuni casi basati sull’aggiunta di integratori contenenti probiotici e in altri casi con risultati perfino migliori con aggiustamenti della dieta quotidiana.

Il microbiota intestinale, chiamato ancora in modo informale flora intestinale anche se l’espressione non è corretta, è diventato oggetto di studi importanti negli ultimi anni. Si tratta dell’insieme di microorganismi che vivono nel tratto digerente e si tratta soprattutto di batteri, che da tempo non sono classificati come vegetali e quindi flora, ma anche di funghi e virus. Normalmente vivono in simbiosi con i loro ospiti contribuendo in vari modi alla digestione demolendo alcune parti di certi cibi e generando alcune sostanze che poi finiscono nel sangue e sono utili all’organismo.

Questi recenti studi stanno evidenziando l’importanza del microbiota intestinale nella salute del loro ospite, anche perché sono state scoperte notevoli connessioni nervose tra intestino e cervello. Anche certe espressioni popolari riguardanti le nostre viscere e la loro connessione con le nostre emozioni stanno trovando spiegazioni scientifiche.

Queste scoperte hanno portato tra le altre cose alla diffusione dei cosiddetti probiotici, integratori che contengono batteri come Lactobacillus acidophilus e Streptococcus thermophilus (foto ©Bob Blaylock), tra le specie utili per il buon funzionamento dell’intestino. Come i classici integratori contenenti minerali e vitamine, ci sono discussioni sulla loro reale utilità ma lo studio condotto dal team del Centro di Salute Mentale di Shanghai sembra confermarla almeno in parte e soprattutto mostra l’importanza di una dieta equilibrata.

Questo studio ha messo assieme i risultati di 21 studi precedenti in cui ci sono stati interventi per regolare il microbiota intestinale. In 14 di questi studi ciò è avvenuto tramite l’assunzione di probiotici, negli altri 7 studi sono stati usati altri metodi basatu sull’aggiustamento della dieta. In 11 dei 21 studi oltre metà delle persone coinvolte hanno mostrato un effetto positivo nell’alleviare i sintomi dell’ansia ma l’aggiustamento della dieta ha avuto effetti migliori rispetto all’assunzione di probiotici.

I vari studi formano un quadro abbastanza eterogeneo perché in quelli basati sull’assunzione di probiotici il numero di tipi di probiotici variava da uno a tre. Ciò significa che bisognerebbe valutare anche quali specie di batteri probiotici lavorano bene assieme e se invece ce ne sono altre che potrebbero rischiare di danneggiarsi tra loro.

Riguardo all’efficacia di un cambio di dieta, i ricercatori hanno ipotizzato che ciò porta una diversa fonte di energia che può avere un impatto sul microbiota intestinale maggiore dell’aggiunta di altri batteri probiotici.

I ricercatori riconoscono i limiti di analisi di studi eterogenei, tuttavia c’è una tendenza che indica risultati positivi dall’assunzione di probiotici e ancor di più da una dieta equilibrata. Altri studi sono necessari per capire meglio gli effetti di quei cambiamenti, anche valutando le risposte individuali.

C’è sicuramente ancora molto da fare per capire bene le possibilità di regolare il microbiota intestinale e l’influenza che ciò può avere sull’ansia e anche in altri modi sulla mente dell’ospite. Non si tratta di una panacea che possa sostituire qualsiasi trattamento medico ma in casi non gravi può portare miglioramenti significativi alla salute.

Streptococcus thermophilus
Streptococcus thermophilus

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *