Terminal di Lavie Tidhar

Terminale Terra di Lavie Tidhar
Terminale Terra di Lavie Tidhar

Il racconto breve “Terminal” (“Terminal”) di Lavie Tidhar è stato pubblicato per la prima volta nel 2016. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia “Terminale Terra” nella traduzione di Rita Demaria.

Chi vuole andare su Marte come colono ha la possibilità di compiere il viaggio di sola andata ma su carrette, navicelle monoposto, non proprio sicurissime. Uno sciame di carrette è in viaggio verso il pianeta rosso con tutti i rischi del caso ma persone come Haziq hanno lasciato tutto, famiglia compresa, per andare a vivere su Marte. Per passare il tempo, i viaggiatori ascoltano musica come Mei o parlano tra di loro via radio per spezzare la solitudine, a volte comunicando anche con persone come Eliza, un’infermiera che lavora nell’orbita terrestre.

Lavie Tidhar ha preso ispirazione per “Terminal” dall’iniziativa “Mars One”, che ha lo scopo di fondare una colonia permanente su Marte a partire dal 2023. Bollata come follia e missione suicida da scienziati e ingegneri aerospaziali di tutto il mondo, nel 2013 aveva comunque raccolto la candidatura di oltre 78.000 volontari. Da allora l’unico progresso è stato nella selezione dei candidati che in teoria dovrebbero costituire il primo gruppo di coloni mentre i tempi per tutto il resto del progetto continuano a essere rivisti in modo più pessimistico. Cosa succederebbe se si presentasse una possibilità reale di compiere quel viaggio di sola andata, anche se rischioso?

Ci sono molte persone che per motivi diversi sono disposte a correre rischi per alla ricerca di una nuova vita. Anche oggi ci sono persone che viaggiano sulle famigerate carrette del mare per quel motivo, non sarebbe sorprendente se qualcuno davvero accettasse di viaggiare su navicelle monoposto dove ognuno è solo con se stesso con la radio a portare l’unica forma di compagnia.

“Terminal” è proprio questo, la destinazione di un viaggio che rappresenta una speranza per chi non ha nulla da perdere come per chi ha un profondo desiderio di andare su Marte. Tuttavia, il racconto è quello di un viaggio ed è uno dei casi in cui è quello che conta e non la destinazione. Lavie Tidhar offre frammenti di vita di alcuni viaggiatori presi dal loro passato, dalle loro emozioni, dalle loro speranze, dalle loro reazioni alle limitate possibilità di farsi compagnia tra loro.

In una manciata di pagine Lavie Tidhar può offrire solo una rapida occhiata ad alcuni personaggi e a tutto ciò che li accompagna ma è sufficiente per far provare al lettore l’impressione di essere in una carretta assieme a loro. È per questa immersione in quello che diventa soprattutto un viaggio nelle emozioni che penso che “Terminal” sia una racconto da leggere. Il racconto è ambientato nello stesso universo narrativo del romanzo “Central Station” ma è totalmente autonomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *