L’Imperatrice del Sole di Ian McDonald

L'Imperatrice del Sole di Ian McDonald
L’Imperatrice del Sole di Ian McDonald

Il romanzo “L’Imperatrice del Sole” (“Empress of the Sun”) di Ian McDonald è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. È il terzo libro della serie Everness e segue “Pianeta parallelo“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1661 di Urania nella traduzione di Annarita Guarnieri.

Dopo un salto in un altro universo, l’aeronave Everness viene seriamente danneggiata immediatamente dopo un arrivo molto più complesso del previsto. Everett Singh cerca di capire cosa sia andato male visto che i suoi calcoli sembravano corretti e ben presto si rende conto che lui e i suoi compagni di viaggio non sono finiti su un’altra Terra bensì su un Mondo Disco costruito dalle Jiju, potentissime e ferocissime discendenti dei dinosauri. L’Imperatrice del Sole, la sovrana di una delle fazioni Jiju, vorrebbe l’Infundibulum.

Charlotte Villiers è consapevole che recuperare l’Infundibulum non è più solo una questione di potere personale bensì di sicurezza per gli esseri umani di tutte le Terre perché non avrebbero modo di difendersi dalle Jiju se riuscissero a trovare il modo di saltare in universi paralleli. Nel frattempo, Everett M Singh fatica a fingere di essere il suo doppelganger a causa delle difficoltà nel celare le sue capacità fisiche sovrumane e delle conseguenze delle sue scelte alla fine di “Pianeta parallelo”.

“L’Imperatrice del Sole” è l’ultima parte di una grande storia divisa in tre libri e inizia dov’era finito il secondo libro perciò è necessario aver già letto i precedenti. Ian McDonald aveva già descritto universi paralleli con differenze notevoli rispetto a quello da cui proviene il protagonista Everett Singh ma quello in cui arriva l’aeronave Everness è davvero estremo dato che si tratta di un Mondo Disco. L’autore cita esplicitamente Terry Pratchett e ciò può aiutare soprattutto i lettori più giovani ai quali è rivolta in particolare la serie Everness.

A parte l’ambientazione in universi differenti, le caratteristiche di “L’Imperatrice del Sole” sono quelle dei libri precedenti con una storia orientata all’avventura. Ian McDonald non è certo un autore di fantascienza “hard” perciò i riferimenti alla matematica e alla fisica quantistica dietro ai viaggi tra universi paralleli sono davvero minimali. L’autore mantiene la storia lineare anche se quest’ultimo romanzo è diviso in tre sottotrame che seguono Everett Singh, il suo doppelganger e Charlotte Villiers.

In “L’Imperatrice del Sole” il ritmo è sempre quello generalmente elevato dei libri precedenti e la minaccia per i personaggi arriva in particolare dalle Jiju. Ci sono momenti più lenti nella sottotrama che segue Everett M Singh dove si vede che si tratta di una serie young adult dato che il ragazzo deve cercare di mantenere un basso profilo con una normale vita tra la scuola, la famiglia e gli amici del suo doppelganger e qualche complicazione con una ragazza.

In questo libro c’è una curiosa contrapposizione a distanza tra Everett, che è umano al 100% e vive un’avventura straordinaria, ed Everett M, che è un cyborg ma cerca di entrare nella normale vita di un adolescente. Il gioco di specchi tra le due versioni del protagonista era importante in “Pianeta parallelo”, nel terzo libro i due ragazzi sono separati ma le differenze tra le loro reazioni e il modo in cui affrontano le conseguenze degli eventi attorno a loro sono ancora parte della trama.

I protagonisti erano già stati sviluppati nei romanzi precedenti ma anche in “L’Imperatrice del Sole” Ian McDonald continua a offrirci qualcosa di nuovo su di loro, su alcuni membri dell’equipaggio della Everness rivelando qualcosa del loro passato e sui due Everett Singh descrivendo le loro reazioni agli eventi che si trovano a vivere. Finire nell’universo delle Jiju con i conseguenti gravi danni alla Everness è un duro colpo per Everett Singh, che si trova in una situazione in cui si sente colpevole nei confronti dell’equipaggio con conseguenze su cui ha ben poco controllo.

Nella serie Everness, Ian McDonald non usa molte sottigliezze, a differenza di altri romanzi rivolti a un pubblico adulto, ma complessivamente la qualità mi è parsa buona. Il finale è quello che mi ha lasciato più perplesso perché ancora una volta è molto aperto, come se l’autore prevedesse di continuare la serie. A parte questo, la serie è una lettura che consiglio in particolare ai lettori giovani e comunque piacevole per quelli non tanto giovani.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *