Luce nera di Ken MacLeod

Luce nera di Ken MacLeod
Luce nera di Ken MacLeod

Il romanzo “Luce nera” (“Dark Light”) di Ken MacLeod è stato pubblicato per la prima volta nel 2002. È il secondo libro della trilogia delle Macchine della Luce e segue “La fortezza dei cosmonauti“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1545 di “Urania” e nel n. 191 di “Urania Collezione” nella traduzione di Marcello Iatosti.

Quando l’astronave Bright Star arriva sul pianeta Croatan, le conseguenze sono immediate. Il fatto che sia stata pilotata da esseri umani e non da kraken costituisce per molti abitanti una bestemmia contro gli dei. Le autorità sequestrano la Bright Star e per Matt Cairns, il suo discendente Gregor, Lydia de Tenebre e Salasso c’è anche il problema di capire le leggi e le usanze locali.

Il pianeta Croatan fa parte della Seconda Sfera, un gruppo di sistemi stellari abitati da varie specie senzienti. È la volontà degli dei e l’idea che Matt Cairns e i suoi compagni di viaggio vadano contro di essa costituisce per loro un grosso problema ma loro vogliono parlare direttamente con uno degli dei per avere risposte chiare.

“Luce nera” riprende la trama ambientata in un lontano futuro in cui ci sono esseri umani che vivono su vari pianeti fianco a fianco con altre specie senzienti. Per capire almeno qualcosa di quella situazione e i protagonisti è necessario aver già letto “La fortezza dei cosmonauti”, dove Ken MacLeod delineava le basi di un futuro alternativo.

La storia di un primo contatto con una specie aliena in un futuro prossimo alternativo è stata completata nel primo romanzo perciò nel secondo l’autore si concentra sulle conseguenze a lungo termine di quel contatto, che costituiscono solo una parte di una storia molto più grande. “La fortezza dei cosmonauti” si concludeva lasciando molti elementi della trama in sospeso e in “Luce nera” Ken MacLeod li espande fortemente fornendo alcune risposte che però portano a nuove domande.

La trama viene sviluppata sostanzialmente attraverso una serie di conflitti più o meno violenti che hanno durata ben diversa a seconda della loro natura. “La fortezza dei cosmonauti” era soprattutto una storia di esseri umani e dei loro rapporti, non sempre semplici, tra diverse posizioni politiche e sociali e occasionalmente dei rapporti tra esseri umani e altre specie senzienti. In “Luce nera” gli elementi politici e sociali continuano a essere centrali com’è tipico delle storie di Ken MacLeod ma diventano più importanti i rapporti interspecie, anche in connessione con le varie domande e risposte contenute nel romanzo.

Durante la loro ricerca della verità sull’origine del gruppo di sistemi stellari chiamato Seconda Sfera, i protagonisti arrivano sul pianeta Croatan, dove c’è una società ispirata a quelle medievali europee. Il livello tecnologico è decisamente superiore ma certe convenzioni sociali, il commercio e perfino certe credenze come un sistema tolemaico hanno connotazioni molto medievali. In realtà la situazione è più complicata dato che c’è una popolazione cristiana e una pagana, ci sono altre convenzioni sociali sfruttate da Ken MacLeod per sviluppare temi legati a problemi di sesso e genere e altro ancora.

Ne “La fortezza dei cosmonauti” mi aveva intrigato particolarmente la storia del primo contatto e in “Luce nera” hanno continuato a intrigarmi gli sviluppi di quella parte della trama. C’è chiaramente molto più di ciò che avviene sui vari pianeti della Seconda Sfera in un quadro spaziale e temporale molto più vasto.

Purtroppo ho trovato in questo romanzo alcuni difetti simili a quelli del primo della serie. Pochi personaggi sono ben sviluppati e spesso servono a rappresentare una certa posizione, a volte politica. La parte della trama riguardante gli eventi su Croatan è quella che mi ha lasciato più freddo ma è probabilmente quella maggiormente influenzata dalle opinioni e dai gusti soggettivi.

Ken MacLeod ha inserito molte idee anche in “Luce nera” ma spesso mi sono sembrate frammentarie, anch’esse raramente ben sviluppate. È uno dei casi in cui raddoppiare la lunghezza del romanzo gli avrebbe giovato per riuscire a sviluppare tutti i temi. Come nel primo libro, non c’è una vera conclusione bensì una storia che rimane aperta in attesa del terzo libro della serie. Se i temi vi interessano, è una serie che vi potrebbe piacere ma dovrete procurarvi tutti i tre libri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *