Scegliersi la faccia di Lavie Tidhar

Terminale Terra di Lavie Tidhar
Terminale Terra di Lavie Tidhar

Il racconto breve “Scegliersi la faccia” (“Choosing Faces”) di Lavie Tidhar è stato pubblicato per la prima volta nel 2012. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia “Terminale Terra” nella traduzione di Rita Demaria.

Bruce lavora per il Dipartimento per l’Applicazione del Copyright (DAC) e il suo lavoro consiste nel dare la caccia ai clonatori pirata che creano copie di personaggi famosi che non solo sono illegali ma tipicamente anche di bassa qualità. L’incontro con Pam, una falsaria, complica la sua vita in modi imprevisti e imprevedibili.

In “Scegliersi la faccia” Lavie Tidhar ci porta in un futuro in cui la clonazione umana è diventata una pratica comune e l’unica forma di regolamentazione è di tipo legale-economica dato che è legata al possesso dei diritti sul DNA della persona. Le norme sull’argomento vengono fatte rispettare da un dipartimento apposito, il DAC, mentre non vengono neppure menzionate considerazioni etiche e morali.

Il racconto è totalmente sopra le righe in particolare nelle descrizioni surreali fino al grottesco di alcuni ricordi dell’agente del DAC Bruce di alcune operazioni contro la pirateria in cui si è trovato a perseguire violazioni del copyright. Quel tipo di attività comporta anche l’aver a che fare con cloni pirata che possono trovarsi in varie condizioni dato che quelli di bassa qualità sono talmente pieni di imperfezioni da essere a malapena funzionali.

La situazione mostrata “Scegliersi la faccia” strappa risate ma ricorda in vari modi ciò che avviene oggi con gli scontri dettati puramente da motivazioni economiche sul copyright. Ci sono mercati in cui girano molti miliardi come quelli del software e dei prodotti audiovisivi dove i tentativi di lotta alla pirateria portano a proporre leggi che prevedono pene superiori a quelle per crimini violenti contro le persone. Allo stesso tempo ci sono movimenti che promuovono e sviluppano prodotti rilasciati sotto licenze libere.

Lavie Tidhar applica questi concetti a un futuro in cui contano solo i legalismi dettati dalle motivazioni economiche e vengono applicati alla clonazione umana. La mancanza di concetti etici e morali porta i protagonisti a comportamenti che è difficile definire in termini di bene e male. “Scegliersi la faccia” alterna il punto di vista raccontato in prima persona da Bruce e Pam dandoci un’idea di quali motivazioni possano esserci dietro le azioni di persone che vivono in quel tipo di società. È una proiezione, per quanto distorta, della nostra società e per questo motivo interessante da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *