Il Macrocollum itaquii è il più antico dinosauro dal collo lungo scoperto finora

Un articolo pubblicato sulla rivista “Biology Letters” descrive la scoperta di un dinosauro del gruppo dei sauropodomorfi che visse nell’odierno Brasile nel periodo Triassico Superiore, circa 225 milioni di anni fa. Rodrigo Temp Müller e Sérgio Dias-da-Silva dell’Universidade Federal de Santa Maria assieme a Max Cardoso Langer dell’Universidade de São Paulo hanno scoperto un antenato dei celebri dinosauri giganti dal collo lungo, che è stato chiamato Macrocollum itaquii. Si tratta di una scoperta utile per chiarire l’evoluzione di quel gruppo di dinosauri erbivori.

Il Macrocollum itaquii è il più antico dinosauro dal collo lungo scoperto, risalente al piano Norico, il penultimo del periodo Triassico. Tre scheletri quasi completi sono stati scoperti nel sito di Wachholz, vicino alla città brasiliana di Agudo, nello Stato del Rio Grande do Sul. L’immagine (Rodrigo Temp Müller, Sérgio Dias-da-Silva, Max Cardoso Langer / Biology Letters) mostra una ricostruzione del suo scheletro con le ossa disponibili mostrate in bianco assieme a varie viste del cranio e altre ossa.

I tre ricercatori che hanno scoperto e studiato il Macrocollum itaquii hanno rilevato differenze rispetto ad altri sauropodomorfi nelle sue caratteristiche anatomiche. Gli antenati più antichi dei dinosauri appartenenti a quel gruppo non avevano colli longhi ma questo ce l’ha e ciò suggerisce che fosse già adattato a mangiare vegetazione che cresceva ben più in alto del terreno, anche perché camminava su due zampe.

La differenza più ovvia tra il Macrocollum itaquii e i giganteschi sauropodomorfi che vissero milioni di anni dopo è nella stazza: quest’animale era alto circa un metro e mezzo per un peso stimato attorno ai 90 kg. Sembra un cucciolo rispetto a brontosauri e altri dinosauri dal collo lungo ed è significativo nella ricostruzione dell’evoluzione del gigantismo in questo gruppo di dinosauri. Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Ecology & Evolution” descriveva la scoperta di un’altra specie risalente al periodo Triassico Superiore chiamato Ingentia prima molto più massiccia del Macrocollum itaquii circa 20 milioni di anni dopo.

Questa nuova specie è interessante anche perché visse nell’epoca della Pangea, il supercontinente che all’epoca includeva tutte le terre emerse. La scarsità di fossili del Triassico Superiore costituisce uno dei problemi nella ricostruzione della diversificazione dei sauropodomorfi e della loro diffusione. La scoperta del Macrocollum itaquii offre nuove informazioni sulla loro storia: ad esempio i denti indicano una dieta onnivora mentre i giganti successivi detti titanosauri erano erbivori.

Il ritrovamento di tre scheletri che erano molto vicini tra di loro suggerisce un comportamento gregario di questi dinosauri. Si tratta di una conferma di una teoria derivata da precedenti scoperte simili relative ad altre specie di sauropodomorfi ed è ancor più importante perché è la prova più antica trovata finora.

La scoperta di tre scheletri quasi completi di Macrocollum itaquii è stata davvero un colpo di fortuna dato che permette uno studio preciso delle sue caratteristiche. Il confronto con altre specie può essere basato su osservazioni certe per capire somiglianze e differenze, utilissime nella ricostruzione della storia degli iconici dinosauri del periodo Giurassico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *