Shining Darkness di Mark Michalowski

Shining Darkness di Mark Michalowski
Shining Darkness di Mark Michalowski

Il romanzo “Shining Darkness” di Mark Michalowski è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. È inedito in Italia.

Il Decimo Dottore porta Donna Noble nella galassia di Andromeda, dove i due viaggiatori vanno a visitare una galleria d’arte. Quando Donna finisce nel raggio di un teletrasporto che porta con sé anche uno degli oggetti esposti, il Dottore è costretto a trovare un modo per inseguirla. Ben presto, si rende conto che il furto aveva uno scopo che va ben oltre l’arte.

Il Dottore insegue l’astronave che trasporta Donna su un’altra astronave con un equipaggio di macchine senzienti e scopre che stanno inseguendo un gruppo che appartiene a un’organizzazione anti-macchine. Da secoli nella galassia di Andromeda esseri organici e macchine convivono pacificamente ma il Culto delle Tenebre Splendenti vorrebbe cambiare radicalmente la situazione.

“Shining Darkness” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

Ambientato nel corso della quarta stagione della nuova serie di “Doctor Who”, “Shining Darkness” comincia con quella che sembra una tranquilla vacanza per il Dottore e Donna ma una situazione del genere non può durare molto. I due viaggiatori vengono ben presto separati e il Dottore è costretto a trovare il modo per riunirsi alla sua compagna ma è proprio questo viaggio parallelo dei due protagonisti che permette a Mark Michalowski di sviluppare una trama sofisticata.

Per gran parte del romanzo, il Dottore viaggia con un gruppo di esseri meccanici mentre Donna viaggia con un gruppo di esseri organici che fanno parte del Culto delle Tenebre Splendenti, un’organizzazione anti-macchine che sta portando avanti un piano per rovesciare la situazione di convivenza esistente nella galassia di Andromeda. L’allegoria dietro a “Shining Darkness” è ovvia: il Culto delle Tenebre Splendenti è un’organizzazione xenofoba che vede gli esseri maccanici come nemici e ha lo scopo di instaurare una supremazia degli organici, un possibile equivalente del Ku Klux Klan nella galassia di Andromeda.

Mark Michalowski alterna il racconto dei due protagonisti e in particolare le loro conversazioni con i membri degli equipaggi delle astronavi su cui viaggiano. Pian piano, ciò permettere al lettore di conoscere questi personaggi, le loro posizioni e le motivazioni dietro le loro azioni. Lo sviluppo dei personaggi è decisamente sopra la media per i romanzi di “Doctor Who” contribuendo alla forza della storia.

Per il Dottore il termine “umano” ha un significato molto ampio e per questo motivo non ha alcun problema con gli esseri meccanici con cui viaggia. Uno di essi, Madre, era un robot da guerra ed è quello illustrato sulla copertina del libro ma il Dottore la vede ben oltre la sua apparenza. Donna d’altro canto conosce i limitati robot terrestri e ha avuto brutte esperienze con altri robot più sofisticati come quelli con le sembianze di Babbo Natale che ha incontrato ne “La sposa perfetta” (“The Runaway Bride”). Per questo motivo, inizialmente Donna è alquanto maleducata con gli esseri meccanici che incontra quando lei e il Dottore arrivano alla galleria d’arte.

Il tema di fondo di “Shining Darkness” è molto serio ma il romanzo è pieno di momenti umoristici. Una parte della trama si svolge su un pianeta abitato da una specie tecnologicamente primitiva e i membri del Culto delle Tenebre Splendenti si spacciano per divinità per ottenere il loro aiuto ma le cose non vanno esattamente come previsto e Donna finisce per cercare di spacciarsi per la Dea Rossa. Non sarei sorpreso se Mark Michalowski si fosse ispirato a Douglas Adams per quella parte.

Secondo me l’autore è riuscito a mescolare bene i vari elementi del romanzo con una buona alternanza di serio e faceto, di azione e riflessione, creando una storia sofisticata nonostante le limitazioni di lunghezza esistenti in questa collana di libri. Per questi motivi, “Shining Darkness” mi è parso uno tra i migliori romanzi legati alla nuova serie di “Doctor Who” perciò ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *