I giganti di pietra di Donald Wandrei

I giganti di pietra di Donald Wandrei
I giganti di pietra di Donald Wandrei

Il romanzo “I giganti di pietra” (“The Web of Easter Island”) di Donald Wandrei è stato pubblicato per la prima volta nel 1948. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 120 e 410 di Urania, nel n. 14 dei “Classici Urania” e nel n. 190 di “Urania Collezione” nella traduzione di Andreina Negretti.

Quando Willy porta a casa un oggetto trovato nel vecchio cimitero di Isling, sua mamma gli intima severamente di riportarlo indietro ma il ragazzino vuole tenerlo. Nella notte, uno strano incendio uccide Willy e porta la madre alla pazzia. I suoi genitori muoiono qualche tempo dopo in quello che viene considerato ufficialmente un incidente causato da un fulmine.

Quando Carter Graham scopre gli eventi di Isling, gli vengono in mente ricerche che ha fatto in giro per il mondo anche se non sembrano esserci similitudini. Incuriosito dall’esistenza del misterioso oggetto scoperto da Willy, decide di indagare e nel cimitero di Island scopre un manufatto ma durante il viaggio di ritorno il treno su cui viaggia deraglia. Il manufatto sembra perduto ma una scia di morti apre una nuova pista.

Donald Wandrei aveva scritto una prima versione del romanzo nel 1932, intitolata “Dead Titans, Waken!”, ma i suoi tentativi di venderla non avevano avuto successo. L’aveva fortemente revisionato e nel 1948 era finalmente riuscito a pubblicarlo in un’edizione limitata con la Arkham House, una casa editrice di cui l’autore fu uno dei fondatori. La versione originale venne pubblicata col titolo originale nel 2012, quindi postuma dato che Wandrei morì nel 1987.

Già all’inizio della sua carriera di scrittore, negli anni ’20, Donald Wandrei aveva incontrato aveva incontrato H. P. Lovecraft ed era entrato in quello che era considerato il suo circolo, un gruppo di scrittori che pubblicavano sulle riviste pulp storie che includevano elementi di quelli che oggi sono considerati generi diversi. Lovecraft rappresentò una fonte di ispirazione per Wandrei, al punto che dopo la sua morte contribuì a fondare la Arkham House in particolare per menterere viva la sua eredità.

Quell’ispirazione si vede tutta nell’unico romanzo scritto da Donald Wandrei, tanto che per il lettore esperto di H. P. Lovecraft può essere un gioco riconoscere a quali racconti in particolare assomigliano alcuni capitoli di “I giganti di pietra”. Wandrei ci mette di suo con una variante della mitologia lovecraftiana in cui al posto dei Grandi Antichi ci sono i Titani, dei quali il protagonista del romanzo Carter Graham cerca di capire lo scopo.

Buona parte di “I giganti di pietra” è incentrata attorno a un misterioso manufatto legato a una scia di morti nella quale si trova coinvolto Carter Graham quando scopre quelle avvenute nel villaggio di Isling. La maggior parte del romanzo ha forti connotazioni horror ma la trama ha elementi di quella che oggi viene chiamata fantascienza archeologica mentre le scoperte del protagonista sui Titani e soprattutto la parte finale sono decisamente fantascientifiche. Le somiglianze con le opere di H. P. Lovecraft si vedono anche nel mix di generi perciò le etichette sono limitative.

Il problema principale è nel fatto che “I giganti di pietra” ha una trama principale di un certo tipo ma Donald Wandrei cambia nettamente stile nell’ultima parte. Anche il capitolo 4 è in qualche modo anomalo perché è collegato alla trama principale ma ha due protagonisti diversi e in particolare un uomo in fuga. Donald Wandrei aveva scritto anche racconti gialli e in questo capitolo racconta anche un incontro galante alquanto spinto per l’epoca in cui venne pubblicato anche se termina prima che possa essere raccontato qualcosa di esplicito.

Forse l’autore aveva bisogno di allungare la storia per ottenere un romanzo e quindi fece delle aggiunte che prese singolarmente non sono male ma nel complesso lo rendono un po’ eterogeneo con elementi di diversi generi non molto amalgamati. Il risultato è comunque breve per gli standard odierni perciò il ritmo è davvero elevato mentre i personaggi sono sacrificati.

Complessivamente, “I giganti di pietra” mantiene per buona parte l’atmosfera di ispirazione lovecraftiana anche se Donald Wandrei ha aggiunto anche un’altra variante ai classici stati più o meno allucinati dei protagonisti delle storie di H. P. Lovecraft dato che gli sforzi di Carter Graham risultano significativi. Anche considerando gli altri elementi presenti nel romanzo, probabilmente può essere apprezzato in particolare dai fan di storie lovecraftiane.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *