Nuove prove che la pigmentazione delle uova degli uccelli è stata ereditata dai dinosauri

Uova di uccelli e un uovo fossile di dinosauro (Foto cortesia Jasmina Wiemann/Yale University)
Uova di uccelli e un uovo fossile di dinosauro (Foto cortesia Jasmina Wiemann/Yale University)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sulla pigmentazione delle uova dei dinosauri e il loro collegamento a quella delle uova degli uccelli. Un team di ricercatori guidato dalla paleobiologa molecolare Jasmina Wiemann dell’Università di Yale ha analizzato 18 gusci fossili di uova di dinosauro per cercare tracce dei pigmenti biliverdina e protoporfirina, quelli che si trovano nelle uova degli uccelli, trovandole in gusci di uova di dinosauri del gruppo Eumaniraptora, che include piccoli carnivori come il Velociraptor. La conclusione è che la pigmentazione ha uno scopo mimetico che si è evoluto in dinosauri che creavano nidi almeno parzialmente aperti.

Per molto tempo la pigmentazione delle uova è stata considerata una caratteristica degli uccelli perché oggi sono gli unici vertebrati in cui esiste e non in tutti perché ci sono specie di uccelli che depongono uova bianche. Le specie con uova colorate usano due pigmenti per formare i vari colori, che possono formare macchie più o meno grandi e striature: la biliverdina, di colore verde-blu, e la protoporfirina, di colore rosso-marrone. Il colore delle uova riflette le preferenze negli ambienti dei nidi e nei comportamenti relativi alla cova.

Jasmina Wiemann è una paleobiologa molecolare attiva nelle ricerche che sfruttano tecnologie moderne per cercare biomolecole fossili. Aveva già guidato una ricerca descritta in un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” nell’agosto 2017 in cui veniva riportata la scoperta di tracce di biliverdina e protoporfirina in gusci fossili di dinosauri. Quella ricerca aveva già offerto un punto di vista diverso riguardo all’origine della pigmentazione nelle uova indicando che si trattasse di un’altra caratteristica che gli uccelli avevano ereditato dai loro antenati dinosauri.

La ricerca di Jasmina Wiemann non si è fermata lì ma è andata avanti per cercare di capire meglio l’evoluzione di questa caratteristica. Per questo motivo, il suo team ha analizzato 18 gusci fossili di uova di dinosauri appartenenti a gruppi molto diversi che vissero in diversi luoghi della Terra per cercare tracce di pigmenti. È stata usata una tecnica di microspettrografia Raman ad alta risoluzione che non è distruttiva, uno dei vantaggi di questa e altre nuove tecnologie di analisi.

Il risultato è che i due pigmenti biliverdina e protoporfirina sono stati trovati in uova di dinosauri del gruppo Eumaniraptora, quello che include anche gli uccelli moderni e piccoli carnivori come il Velociraptor. Le tracce mostrano macchie e macchioline simili a quelle di uova di uccelli moderni e ciò suggerisce che quella caratteristica si sia evoluta in quel gruppo di dinosauri e sia stata ereditata dagli uccelli.

Questa ricerca porta conferme alle ipotesi già esistenti riguardanti la pigmentazione come forma di mimetismo. Nei dinosauri risulta essere presente in specie che, come per gli uccelli, avevano nidi almeno parzialmente aperti perciò quelle che anche oggi si mimetizzano meglio sono quelle che hanno meno probabiltà di essere mangiate da predatori.

Nuovi ritrovamenti di fossili e la possibilità di applicare nuove tecnologie alla paleontologia ha permesso negli ultimi decenni di scoprire molto sui comportamenti riproduttivi dei dinosauri. Le ricerche compiute da Jasmina Wiemann sulle loro uova ha portato ulteriori conferme che gli uccelli sono dinosauri che hanno cambiato aspetto e hanno sviluppato la capacità di volare ma hanno mantenuto molte caratteristiche dei loro antenati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *