Cibola Burn – La cura di James S. A. Corey

Cibola Burn - La cura di James S. A. Corey
Cibola Burn – La cura di James S. A. Corey

Il romanzo “Cibola Burn – La cura” (“Cibola Burn”) di James S. A. Corey è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. È il quarto nella serie Expanse e segue “Abaddon’s Gate – La fuga“. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nella traduzione di Annarita Guarnieri.

Il portale costruito dalla protomolecola ha aperto una nuova frontiera per gli esseri umani e c’è chi vorrebbe che chiunque fosse libero di stabilirsi su uno dei tanti pianeti potenzialmente abitabili che sono diventati disponibili. Un gruppo di persone raggiunge uno di essi e lo chiama Ilus ma qualche tempo dopo un’altra spedizione arriva con il supporto delle Nazioni Unite e la situazione diventa subito difficile con alcuni coloni che decidono di attaccare i nuovi arrivati.

Per cercare di evitare ulteriori spargimenti di sangue, Chrisjen Avasarala e Fred Johnson raggiungono un accordo in rappresentanza di Nazioni Unite e Alleanza dei Pianeti Esterni scegliendo Jim Holden come mediatore. Quando arriva sul pianeta col suo equipaggio sull’astronave Rocinante, trova una situazione esplosiva con Adolphus Murtry, il capo della sicurezza della spedizione, pronto a uccidere i coloni. Le cose peggiorano ulteriormente quando qualcosa di molto antico sul pianeta si risveglia.

James S. A. Corey è lo pseudonimo di due scrittori: Daniel Abraham, che da solo scrive soprattutto fantasy, e Ty Franck, che ha lavorato come assistente di George R.R. Martin. Assieme stanno scrivendo le storie della serie Expanse, una space opera ambientata in un futuro in cui l’umanità ha colonizzato parte del sistema solare.

“Abaddon’s Gate – La fuga” aveva mostrato l’apertura di un portale che permette l’accesso di altre regioni di spazio con la possibilità di raggiungere altri pianeti potenzialmente abitabili. Le conseguenze arrivano presto ma anche i problemi perché l’umanità è divisa perciò è impossibile per le varie fazioni accordarsi sul modo di esplorare la nuova frontiera. Gruppi indipendenti di persone che non possono permettersi di attendere lo fanno per conto loro, altri gruppi supportati da grandi aziende lo fanno con l’approvazione delle Nazioni Unite.

Il pianeta che viene chiamato Ilum da un gruppo indipendente e Nuova Terra da un altro gruppo che ha tutte le autorizzazioni ufficiali finisce al centro di uno scontro perché la presenza di una notevole quantità di litio lo rende particolarmente prezioso. Per un gruppo il litio rappresenta il mezzo per acquistare le risorse per stabilire una colonia adeguata, per l’altro significa far gudagagnare un sacco di soldi a un’azienda già molto ricca.

La struttura di “Cibola Burn – La cura” è la stessa dei romanzi precedenti, con capitoli che seguono il punto di vista di alcuni protagonisti. Jim Holden è fin dall’inizio della serie Expanse al centro degli eventi più importanti ed è l’unico presente in tutti i romanzi. Lo “spettro” del detective Miller ha cominciato ad apparirgli e il collegamento con il pianeta è uno dei temi di questo romanzo.

Gli autori introducono i nuovi protagonisti Basia Merton, uno dei primi coloni che per il desiderio di proteggere la propria famiglia finisce coinvolto in azioni terroristiche, ed Elvi Okoye, una scienziata della spedizione ufficiale. Dmitri Havelock, apparso in “Leviathan – Il risveglio” come collega di Miller, ritorna come vice-capo della sicurezza della missione ufficiale.

La maggior parte della trama viene sviluppata sul pianeta e nella sua orbita, un’ambientazione più contenuta rispetto ai precedenti romanzi. Nonostante ciò, quegli eventi sono importanti perché il conflitto tra i coloni indipendenti e la missione ufficiale rappresenta un precedente che influenzerà il futuro dell’espansione dell’umanità.

Soprattutto all’inizio del romanzo, sono presenti temi come migrazioni, grosse aziende disposte a tutto per fare più soldi con la contrapposizione tra persone disposte a usare la violenza per difendere ciò che ritengono loro e altre che la usano perché è la loro natura e hanno chi li copre. Tuttavia, nella serie Expanse gli approfondimenti sono sempre limitati ed “Cibola Burn – La cura” non fa eccezione.

Il lato positivo è che i protagonisti abbracciano le varie parti in causa perciò gli autori riescono a offrire diversi punti di vista che mostrano una situazione che non è in bianco e nero ma presenta varie sfumature di grigio. I personaggi possono avere le loro motivazioni per le scelte che hanno fatto e anche per gli errori che hanno commesso, compreso il modo di agire dopo averli commessi.

Il lato negativo è che solo alcuni personaggi, protagonisti inclusi, sono ben sviluppati. L’equipaggio della Rocinante e Miller sono già ben conosciuti dai lettori, altri personaggi conosciuti fanno solo sporadiche apparizioni a parte Havelock. Assieme al nuovo pianeta, gli autori hanno presentato molti nuovi personaggi e spesso sono ricorsi a cliché come ad esempio il capo della sicurezza Murtry, che in sostanza è uno psicopatico senza alcuna profondità. Il problema con Elvi Okoye invece è che dovrebbe essere una scienziata concentrata sul suo lavoro mentre spesso sembra una ragazzina in preda agli ormoni, davvero un pessimo personaggio femminile.

Lo sviluppo della trama è quello che ci si può aspettare nella serie Expanse, cioè pieno d’azione con tanti momenti di crisi. Alcuni sviluppi sono facilmente prevedibili, occasionalmente c’è qualche sorpresa, Soprattutto per quanto riguarda le conseguenze di certi eventi. In molti casi, la causa è la scelta dei coloni indipendenti di stabilirsi su un pianeta totalmente alieno senza prendere alcuna precauzione e senza provare a studiare seriamente l’ambiente prima di esporsi a tutto ciò che esso contiene.

Fin dall’inizio della serie Expanse, questi romanzi mi sono sembrati complessivamente ben costruiti anche se a volte i comportamenti di certi personaggi hanno poco senso. Secondo me non sono capolavori ma sono godibili perciò se questa serie vi piace vi consiglio anche “Cibola Burn – La cura”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *