Il ritorno di Chanur di C.J. Cherryh

Il ritorno di Chanur di C.J. Cherryh
Il ritorno di Chanur di C.J. Cherryh

Il romanzo “Il ritorno di Chanur” (“Chanur’s Homecoming”) di C.J. Cherryh è stato pubblicato per la prima volta nel 1986. È il quarto romanzo del ciclo di Chanur e segue “La vendetta di Chanur“. In Italia è stato pubblicato dall’Editrice Nord nel n. 252 di “Cosmo Argento” nella traduzione di Gianluigi Zuddas.

Pyanfar Chanur deve destreggiarsi tra una serie di minacce più o meno serie che arrivano da vari fronti. L’intero Patto è stato scosso da scontri tra varie specie e tra fazioni all’interno di alcune di esse e la stazione Punto d’Incontro è al centro di alcuni dei conflitti più pesanti. Anche tra le hani ci sono contrasti con il clan Ehrran avversario del clan Chanur.

Più che mai capire chi siano gli alleati e chi i nemici fa la differenza ma ci sono tante incognite, a cominciare dalle notizie che arrivano sulle azioni compiute dagli esseri umani, il cui ruolo è ancora tutt’altro che chiaro anche se Pyanfar Chanur ha il loro rappresentante Tully a bordo della sua astronave. Le scelte giuste faranno la differenza per lei, per il suo pianeta e per l’intero Patto.

Il ciclo di Chanur fa parte dell’universo narrativo di C.J. Cherryh chiamato Universo della Lega e della Confederazione in cui sono ambientate molte storie scritte dall’autrice. Esso è ambientato in un’area di spazio lontana dai pianeti protagonisti delle altre storie perciò può essere letto in maniera del tutto autonoma.

“Il ritorno di Chanur” rappresenta il libro conclusivo di una trilogia che a sua volta è il seguito diretto del primo romanzo del ciclo di Chanur perciò per avere una comprensione completa dei personaggi e degli eventi è necessario aver già letto i libri precedenti. L’ideale è leggerli in un arco di tempo breve perché C.J. Cherryh sviluppa un ciclo sofisticato in cui ci sono varie specie e una serie di complessi rapporti tra di esse e all’interno della società hani, quella a cui appartiene la protagonista Pyanfar Chanur.

Libro dopo libro, la situazione è diventata sempre più complessa perché il ciclo è una space opera ma fin dall’inizio l’elemento di intrigo è stato importante e ne “Il ritorno di Chanur” diventa addirittura dominante. Ciò perché l’incontro con gli esseri umani ha innescato una reazione a catena destabilizzando gli equilibri all’interno del Patto. Pyanfar Chanur si è trovata nel mezzo di tutto ciò, una capitana esperta di commercio costretta sempre più ad affrontare problemi politici e in certi casi perfino militari dato che i rischi di battaglie spaziali tra diverse fazioni sono cresciuti.

La conseguenza di tutto ciò è che la quantità di azione è inferiore rispetto ai libri precedenti anche se non mancano i momenti davvero intensi. Buona parte de “Il ritorno di Chanur” è dedicata ai tentativi di Pyanfar Chanur di districarsi tra le macchinazioni delle varie fazioni per salvare non solo se stessa e il suo equipaggio ma anche il suo pianeta dato che ormai anch’esso è coinvolto negli scontri.

I problemi connessi ai processi mentali delle varie specie e alle conseguenti difficoltà di comunicazione sono parte del ciclo di Chanur ma generalmente sono stati funzionali alla trama diventando centrali solo in casi isolati, in particolare quando C.J. Cherryh ha raccontato i tentativi di instaurare reali comunicazioni con Tully. Ne “Il ritorno di Chanur” sono importanti perché Pyanfar Chanur deve cercare di capire le motivazioni e il modo di pensare di personaggi di varie specie per sperare di uscire dai guai.

Per questo motivo, il romanzo è costituito da dialoghi ancor più del precedente e il ritmo è tenuto alto in molte occasioni dalla concitazione con la tensione data da una situazione molto pericolosa per Pyanfar Chanur e il suo equipaggio. La trama diventa davvero intricata anche a causa delle macchinazioni di vari personaggi, anche troppo per chi preferisce una space opera più classica basata sull’avventura e sull’azione piuttosto che sull’esposizione.

I protagonisti sono stati sviluppati nei libri precedenti ma C.J. Cherryh offre ancora qualche approfondimento su Pyanfar Chanur e suo marito Khym in un momento di quasi tranquillità quando i due hanno la possibilità di parlare del loro passato. Ciò offre anche maggiori informazioni sulla società hani e su come le hani che hanno scelto di vivere sostanzialmente nello spazio tornando solo occasionalmente su Anuurn, il loro pianeta natale, siano ormai diverse da quelle rimaste sul pianeta.

Onestamente a volte la trama diventa contorta, rendendo difficile seguire tutte le ramificazioni possibili date dai diversi processi mentali delle varie specie, ma complessivamente “Il ritorno di Chanur” mi è parso una conclusione soddisfacente della trilogia formata assieme ai due libri precedenti del ciclo. Se per voi quel tipo di complessità non è un problema vi consiglio di leggere questo ciclo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *