Luna nuova di Ian McDonald

Luna nuova di Ian McDonald (edizione britannica)
Luna nuova di Ian McDonald (edizione britannica)

Il romanzo “Luna nuova” (“Luna: New Moon”) di Ian McDonald è stato pubblicato per la prima volta nel 2015. È il primo romanzo della serie Luna. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 3 di “Urania Jumbo” nella traduzione di Lia Tomasich.

Lucasinho Corta e altri adolescenti completano un rito di passaggio sopravvivendo a una corsa nel vuoto sulla superficie lunare. Per celebrare l’impresa, la sua famiglia tiene una festa a cui partecipano rappresentanti di tutti i “Cinque Draghi”, le famiglie più importanti della Luna. Durante la festa, qualcuno tenta di uccidere Rafa Corta, l’erede della famiglia, e l’attentato fallisce grazie all’intervento di una dipendente, Marina Calzaghe.

Mentre la famiglia Corta tenta di scoprire l’autore dell’attentato, Lucasinho scappa di casa mentre Marina Calzaghe rimane invischiata negli intrighi dei Cinque Draghi. Adriana Corta, la matriarca della famiglia, sta morendo e deve pensare a lasciare un futuro stabile con possibili alleanze con altre famiglie cercando di evitare il rischio che le rivalità sfocino in una guerra.

Nel 2014 Ian McDonald aveva pubblicato il racconto “Il quinto dragone“, che raccontava l’inizio della storia di Adriana Corta sulla Luna. Arrivata dalla Terra, ha dovuto prendere decisioni fondamentali per il suo futuro che hanno avuto una profonda influenza non solo sulla sua vita futura perché dopo alcuni decenni la sua azienda di estrazione di elio-3 ha reso la sua famiglia una delle più importanti sulla Luna, chiamate i “Cinque Draghi”. “Luna nuova” comincia quando Adriana Corta è ormai una donna anziana e l’autore getta il lettore nel mezzo dei complessi rapporti tra i membri della sua famiglia e degli intrighi che segnano i rapporti tra i Cinque Draghi.

Lo sfruttamento delle risorse della Luna è regolato da un sistema legale basato su accordi tra le parti, senza un diritto penale paragonabili a quelli delle nazioni terrestri. C’è un sistema quasi feudale con i Cinque Draghi che sono simili alle famiglie nobili delle monarchie terrestri e hanno grandi poteri. In questa situazione, rivalità e litigi possono essere risolti tramite accordi oppure con un combattimento tra rappresentanti delle due parti. Tuttavia, a volte possono sfociare anche in scontri armati.

Per creare questa società lunare, Ian McDonald si è ispirato a opere che non sono solo di fantascienza come il ciclo di Dune ma anche fantasy come “Il trono di spade” e opere contemporanee come la serie “Dallas” e i film della serie “Il padrino”. Per l’autore il futuro sulla Luna è tutt’altro che utopico e anche lì le lotte per il potere saranno senza esclusione di colpi.

In “Luna nuova” vengono usate tecnologie avanzate che possiamo aspettarci di veder sviluppate nel corso di questo secolo ma alla fine si tratta di una storia di esseri umani, le cui motivazioni di fondo rimangono sempre le stesse. In sostanza, è una storia di fantascienza che però ha il sapore di un dramma molto classico.

Inizialmente per il lettore non è facile entrare negli intrighi tra i Cinque Draghi perché Ian McDonald fornisce informazioni sui personaggi, sulle loro famiglie e sui loro complessi rapporti tramite dettagli messi qua e là e tramite dialoghi tra personaggi. La scarsità di “infodump” permette all’autore di tenere un ritmo tendenzialmente rapido tranne che nei brani in cui Adriana Corta racconta parte della sua storia personale ma ci vuole un po’ di pazienza per entrare nelle complessità della trama.

Per certi versi, Marina Calzaghe è il personaggio più importanti per aiutare il lettore con il suo punto di vista. È una ragazza arrivata dalla Terra per tentare la fortuna e sta ancora imparando come deve comportarsi per sopravvivere nel duro ambiente lunare e le complessità della società che si è formata con i tanti intrighi. Per alcuni versi, la sua storia ha dei paralleli con quella raccontata da Adriana Corta mostrando le differenze tra le due donne quando devono prendere decisioni fondamentali per le loro vite ma anche com’è cambiata la Luna nel corso di qualche decennio.

Un altro elemento che secondo me è un punto di forza ma può allo stesso tempo costituire un’altra difficoltà per il lettore è l’uso di termini in varie lingue. La società lunare è multietnica e multiculturale, con una conseguente influenza anche sulla lingua. “Luna nuova” è concentrato in particolare sulla famiglia Corta, la cui matriarca è arrivata dal Brasile, con la conseguenza che la sua lingua nativa è il portoghese e viene usata anche dai suoi figli e nipoti.

Le tante parole, a volte frasi intere, in portoghese sparse qua e là per il romanzo aiutano a immergersi nella storia e c’è un piccolo vocabolario con il significato delle parole più importanti. Tuttavia, per chi non conosce per nulla quella lingua i dialoghi tra i membri della famiglia Corta potrebbero essere un po’ ostici.

Tutto ciò porta a un romanzo complesso con molti personaggi dei quali inevitabilmente Ian McDonald sviluppa solo quelli principali. Il finale è molto aperto perché “Luna nuova” è la prima parte di una storia più ampia in quella che è programmata come una trilogia di romanzi. Secondo me questo primo libro è decisamente promettente perciò se vi piacciono serie piene di intrighi ve la consiglio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *