Microrganismi marini potrebbero avere un’influenza significativa sul ciclo globale del carbonio

Esempi di Phaeodaria (Immagine cortesia Mike Stukel)
Esempi di Phaeodaria (Immagine cortesia Mike Stukel)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Limnology and Oceanography” descrive uno studio sulla circolazione del carbonio negli oceani. Un team di ricercatori della Florida State University (FSU) ha studiato l’area tra 100 e 1.000 metri di profondità scoprendo che organismi molto semplici appartenenti al gruppo chiamato Phaeodarea consumano particelle ricche di carbonio che stanno sprofondando prima che raggiungano il fondo, dove altrimenti potrebbero rimanere per millenni. Pur essendo organismi minuscoli, essi potrebbero avere un impatto sul ciclo del carbonio e quindi sul clima.

I Phaeodarea, o Phaeodaria, sono un gruppo di organismi eucarioti di aspetto ameboide che fanno parte di un gruppo più vasto chiamato Cercozoa. In quella che il team guidato da Mike Stukel di FSU ha chiamato zona d’omba degli oceani, tra 100 e 1.000 metri di profondità, esistono molti Phaeodarea ma anche radiolari e foraminiferi, che assieme ai Cercozoa formano il grande gruppo Rhizaria. Essi hanno dimensioni variabili che possono essere relativamente grandi per microrganismi, oltre 600 micrometri. Generalmente, non sono presi in considerazione negli studi del ciclo di carbonio per vari motivi tra i quali la loro classificazione ancora vaga.

Finora gli studi si erano concentrati su altri microrganismi come le diatomee, alghe unicellulari di cui l’importanza era già conosciuta. Esse infatti costituiscono uno dei principali gruppi di organismi che producono ossigeno tramite fotosintesi. Oltre a ciò producono minuscoli gusci che sprofondano nelle acque assieme ad altri frammenti di materia di varia natura.

Il carbonio contenuto nei vari frammenti potrebbe finire sul fondo e rimanervi per millenni, uscendo dal ciclo che lo porta dall’atmosfera nell’oceano, dove entra nei cicli vitali di vari organismi, per poi essere nuovamente rilasciato. Il team di Mike Stukel ha usato un sofisticato sistema di monitoraggio per identificare una quantità di microrganismi superiore al previsto tra 100 e 1.000 metri di profondità che influenzano il ciclo del carbonio.

In particolare, i ricercatori hanno identificato microrganismi di una delle famiglie di Phaeodarea chiamata Aulosphaeridae che potrebbe consumare il 20% e anche oltre delle particelle ricche di carbonio che sprofondano dalla superficie delle acque. Si tratta di una quantità notevole che determina un’influenza sul ciclo del carbonio.

La ricerca è stata limitata a un’area geografica e ha finito per concentrarsi soprattutto su una famiglia di microrganismi. Sarà necessario valutare la variabilità nella presenza non solo dei vari Phaeodarea ma dei Rhizaria in generale, sia in diverse aree marine che nel corso del tempo, per avere un’idea più precisa della loro influenza sul ciclo del carbonio. Vista l’importanza di quest’elemento nei cambiamenti climatici, si tratta di un tipo di ricerca che potrebbe diventare di primo piano e ampliare le nostre conoscenze dei fenomeni legati al clima.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *