The Annihilation Score di Charles Stross

The Annihilation Score di Charles Stross
The Annihilation Score di Charles Stross

Il romanzo “The Annihilation Score” di Charles Stross è stato pubblicato per la prima volta nel 2015. Fa parte della serie della Lavanderia e segue “The Rhesus Chart“. Al momento è inedito in Italia.

Per Dominique “Mo” O’Brien i problemi collegati al suo lavoro stanno diventando un grosso peso per la sua vita privata. Anche suo marito ne è affetto perché sono entrambi agenti della Lavanderia e ciò rende impossibile continuare a vivere assieme. Gli ultimi drammatici eventi hanno indebolito l’agenzia con la conseguenza che Mo è costretta a intervenire in un caso di emergenza senza un supporto adeguato e le sue azioni vengono riprese da una troupe televisiva.

L’evento è solo una delle crescenti manifestazioni soprannaturali che hanno come protagonisti persone che hanno acquisito poteri soprannaturali. Data l’impossibilità di mantenere il segreto, il governo britannico decide di creare una task force apposita che recluti i nuovi potenziali supereroi e combatta le persone che usano i loro poteri per scopi contrari alla legge e nomina Mo come leader. Il primo cattivo da scovare è un personaggio che si fa chiamare dottor Freudstein.

La serie della Lavanderia ha seguito nei primi cinque romanzi e in vari racconti le avventure di Bob Howard, raccontate in prima persona nei suoi resoconti ufficiali. In “The Annihilation Score”, Charles Stross ha deciso di raccontare la storia di sua moglie Mo, sempre attraverso i suoi resoconti ufficiali.

“The Annihilation Score” inizia poco prima della fine di “The Rhesus Chart” e i due romanzi per alcuni versi si complementano a vicenda attraverso le storie dei due protagonisti. Inizialmente, le storie della Lavanderia erano quasi completamente autonome e mescolavano momenti comici e drammatici ma negli ultimi romanzi Charles Stross ha cominciato a sviluppare un filo conduttore che porterà a CASE NIGHTMARE GREEN, il nome in codice per il ritorno dei Grandi Antichi. Per questo motivo, i toni sono diventati tendenzialmente più cupi e c’è una trama orizzontale che unisce diversi romanzi.

Attraverso i commenti di Bob Howard, conoscevamo già Mo e il suo specialissimo violino, un’arma davvero letale, ma solo la crescita dei poteri di Bob causata dal legame con Angleton aveva permesso al lettore di farsene un’idea diretta. In “The Annihilation Score” il punto di vista di Mo permette di sviluppare in modo ben più approfondito il suo legame con il violino, che lei ha soprannominato Lecter, e il grosso peso che ha creato.

Tuttavia, “The Annihilation Score” segna soprattutto la rivelazione al pubblico dell’esistenza di poteri soprannaturali. Nell’universo narrativo della Lavanderia il soprannaturale è un ramo della matematica con applicazioni informatiche tenuto segreto molto a lungo.

Charles Stross si è spesso ispirato ad altri autori e personaggi, in questo caso lo fa in modo abbastanza generico ai fumetti Marvel e DC, con la differenza che in questo caso i nuovi supereroi e supercattivi non sono mutanti ma emergono come sintomo dell’avvicinarsi di CASE NIGHTMARE GREEN.

Charles Stross usa questo tema per sviluppare alcuni elementi già presenti nelle precedenti storie della Lavanderia e altri. Alcuni di essi sono legati direttamente a Mo, che all’improvviso si trova letteralmente sotto gli occhi del mondo e deve cominciare a gestire un’immagine pubblica molto ingombrante dopo aver operato per anni nel segreto più assoluto.

Anche se i momenti apertamente comici sembrano essere diventati più rari nelle storie della Lavanderia, l’elemento satirico in “The Annihilation Score” è più che mai importante. Secondo me, i vari modi in cui lo sviluppa lo rendono da questo punto di vista il romanzo migliore della serie.

Charles Stross ha sempre preso di mira la burocrazia, in particolare quella della Lavanderia, stavolta lo fa in modo anche più ampio in tutto il romanzo. Mo viene incaricata di creare una nuova task force ma passa la maggior parte del suo tempo in riunioni con il suo staff e in incontri con il governo britannico, con i vertici della polizia e c’è tutta una parte relativa al reclutamento di nuovi supereroi.

Charles Stross usa i temi del romanzo anche per includere il tema delle discriminazioni. Nel corso del romanzo, ci sono varie occasioni in cui le opinioni di Mo vengono considerate poco perché è una donna e in certi casi viene notata poco perché non è più giovanissima. Questo tema include anche il problema delle decisioni politicamente corrette che affrontano solo i sintomi e non le cause. Il governo britannico chiede a Mo di creare un team di supereroi politicamente corretto che includa rappresenzanti di alcune minoranze.

Le mie perplessità su “The Annihilation Score” riguardano il modo in cui Mo viene dipinta. In generale i personaggi della serie hanno sempre avuto pregi e difetti e anche Bob Howard è tutt’altro che perfetto. Il problema è che Mo sembra lo stereotipo della donna che pensa di essere la più matura in una relazione ma solo per illudersi di avere la superiorità morale di biasimare il marito per tutti i problemi mentre i fatti le danno torto marcio.

Alcuni problemi tra Mo e Bob sono oggettivi, causati da scontri di forze soprannaturali su cui hanno un limitato controllo. Tuttavia, già in “The Rhesus Chart” Mo aveva manifestato una gelosia ingiustificata nei confronti di Mhari, una vampira PHANG a cui Bob stava solo cercando di salvare la vita. Quando Mhari viene assegnata a Mo come suo braccio destro e lei reagisce male proprio a causa di quei trascorsi, sinceramente ho pensato che se la fosse cercata. 😀

Leggendo “The Annihilation Score” mi sono mancati i momenti deliziosamente geek tipici delle precedenti storie della serie e Mo non esce particolarmente bene dal romanzo. Viene sostanzialmente gettata ai leoni trovandosi nelle peggiori condizioni possibili ma proprio per questo certe sue reazioni emotive sono particolarmente irrazionali se non meschine. È quasi paradossale che il punto di vista di Bob nei romanzi precedenti mostri soprattutto i punti di forza di Mo mentre il suo racconto in prima persona mostri così tanto le sue debolezze.

Tutti questi elementi formano un romanzo basato soprattutto sui personaggi con una trama che è un po’ esile. Ci sono comunque alcuni eventi importanti per la serie perciò ancora una volta ci sono conseguenze e aspetti della trama lasciati aperti per i seguiti. Complessivamente, “The Annihilation Score” mi è parso non del tutto riuscito ma a questo punto chi legge la serie della Lavanderia deve avere tutti i romanzi per non perdere pezzi importanti della storia più ampia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *