L’Akainacephalus johnsoni è un anchilosauro del Cretaceo che offre nuove prove di antiche migrazioni

Akainacephalus johnsoni
Akainacephalus johnsoni

Un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” descrive lo studio di un dinosauro della famiglia degli anchilosauridi. Chiamato Akainacephalus johnsoni, quest’erbivoro corazzato è stato identificato dai paleontologi Jelle Wiersma e Randall Irmis, gli autori della ricerca, nell’odierno Utah, negli USA, dove visse circa 76 milioni di anni fa, verso la fine del periodo Cretaceo. Le sue caratteristiche indicano una parentela più stretta con gli anchilosauridi che vissero nell’odierna Asia che con altri membri della famiglia che vissero nell’odierno Nord America.

Gli anchilosauridi (Ankylosauridae) facevano parte del sottordine degli anchilosauri (Ankylosauria), comparvero nel periodo Giurassico ma ebbero una notevole diffusione soprattutto nel periodo Cretaceo. Le specie di questa famiglia erano particolarmente ben dotate per quanto riguarda l’armatura e mazze ossee alla fine della coda. Vissero nell’allora Gondwana e secondo alcuni ricercatori vi furono migrazioni nel corso del Cretaceo che portò specie che vivevano in quella che oggi è l’Asia a migrare nell’odierno Nord America, dove si diversificarono.

Nel 2008 uno scheletro parziale venne scoperto nell’odierno Utah nella formazione Kaiparowits assieme a fossili di altri animali. Si trattava di un dinosauro con una lunghezza stimata attorno ai 4-5 metri e un’altezza ai fianchi tra 1 e 1,5 metri. L’immagine in alto (cortesia J.P. Wiersma & R.B. Irmis, doi: 10.7717/peerj.5016. Tutti i diritti riservati) moastra le ossa trovate (A) e ricostruzioni dello scheletro dell’Akainacephalus johnsoni (B e C). L’immagine in basso (cortesia Andrey Atuchin/DMNS 2017. Tutti di diritti riservati) mostra una ricostruzione dell’aspetto del dinosauro.

Lo scheletro scoperto, catalogato come UMNH VP 20202, è parziale ma è il più completo membro della famiglia degli anchilosauridi scoperto nel sud-est degli USA. Dopo il lungo lavoro di ripulitura delle ossa, nel 2014 è stato sottoposto a una TAC per esaminarne l’anatomia interna. Il cranio è stato preparato da Randy Johnson, un volontario del Natural History Museum of Utah, il cui lavoro è stato onorato dando il suo nome alla nuova specie.

Chiamato Akainacephalus johnsoni, il nuovo anchilosauride ha mostrato somiglianze con la specie Nodocephalosaurus kirtlandensis, parte della stessa famiglia, che visse nello stesso periodo nell’odierno New Mexico. L’esame dei paleontologi ha mostrato che questi due dinosauri sono imparentati più strettamente con alcuni cugini asiatici come i generi Saichania e Tarchia che ad altri anchilosauridi nordamericani. In particolare, hanno riscontrato le somiglianze della corazza piatta dei loro crani.

L’area dello Utah in cui è stato scoperto lo scheletro dell’Akainacephalus johnsoni, chiamata Grand Staircase-Escalante National Monument (GSENM), nel tardo Cretaceo era parte di un continente insulare chiamato Laramidia. Tra 80 e 75 milioni di anni fa le forme di vita che vivevano in quel continente erano molto diversificate e negli ultimi anni molte nuove specie sono state scoperte.

Tuttavia, le somiglianze tra l’Akainacephalus johnsoni e gli anchilosauridi asiatici offrono nuove conferme che, prima di quel periodo di isolamento, vi furono periodi in cui il livello dei mari era più basso permettendo migrazioni di varie specie di animali all’interno dell’allora Gondwana. In sostanza, lo studio di questa specie è importante perché sta aiutando a ricostruire almeno una di quelle migrazioni.

Ricostruzione di Akainacephalus johnsoni
Ricostruzione di Akainacephalus johnsoni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *