Maxim Fujiyama e altre persone di Claude Lalumière

Other Persons - Altre persone di Claude Lalumière
Other Persons – Altre persone di Claude Lalumière

Il racconto breve “Maxim Fujiyama e altre persone” (“Maxim Fujiyama and other persons”) di Claude Lalumière è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia in italiano e inglese “Other Persons – Altre persone” nella traduzione di Fiorella Moscatello.

Maxim Fujiyama cerca di sopravvivere come può, frugando qua e là nell’area di Vancouver in cui vive per recuperare cibo e qualsiasi cosa possa essergli utile. Altre persone si sono stabilite nel palazzo in cui si è sistemato ma Maxim conta solo su se stesso. Gli capita di incontrare altre persone e non può fare a meno di chiedersi cosa voglia dire essere una persona.

“Maxim Fujiyama e altre persone” è ambientato in un mondo post-apocalittico in cui il protagonista Maxim Fujiyama, tagliato fuori dal resto del mondo dopo il crollo totale delle comunicazioni assieme al resto della civiltà, vaga per Vancouver e incontra altre persone e animali. Ha qualche problema nell’usare il termine persona perché ha cominciato a chiedersi chi o cosa sia una persona, se solo gli esseri umani siano persone o se lo siano anche individui di altre specie.

Le riflessioni di Maxim Fujiyama non sono solo filosofiche ma hanno anche alcune radici in ricerche paleontologiche e paleoantropologiche degli ultimi anni. I progressi delle tecniche genetiche hanno permesso di recuperare DNA non solo di homo sapiens molto antichi ma perfino di ominidi estinti come i celebri Neanderthal e i misteriosi Denisova scoprendo che queste specie si sono incrociate.

Maxim Fujiyama pensa alle ricerche che hanno indicato come il DNA degli esseri umani moderni possa contenere geni di Neanderthal e di Denisova. Ricerche che hanno ricostruito le tracce genetiche delle migrazioni dell’homo sapiens hanno anche mostrato la presenza di diversi geni di altri ominidi negli umani moderni a seconda della loro etnia. Il protagonista si chiede con quante altre specie di cui non abbiamo neppure frammenti di DNA si siano incrociati, citando ad esempio gli ominidi della Grotta dei Cervi Rossi in Cina.

Nonostante la presenza di quest’elemento scientifico, “Maxim Fujiyama e altre persone” non è un racconto di fantascienza hard. Claude Lalumière cita solo nozioni di base collegate a quelle ricerche genetiche senza entrare in dettagli tecnici, perciò non servono conoscenze specifiche su questi argomenti per comprenderle.

A Claude Lalumière le riflessioni sugli incroci tra varie specie di ominidi servono per portare Maxim Fujiyama ad andare oltre certe divisioni. Nella sua normale vita prima della caduta della civiltà c’erano definizioni generalmente accettate ma in una situazione che si è trasformata completamente che senso hanno le vecchie divisioni? In un mondo in cui gli umani rimasti sono pochi e chissà cos’altro (o chi altro…) è possibile incontrare, anche certi paradigmi mentali devono cambiare radicalmente.

Scardinare un certo modo di vedere il mondo e la vecchia separazione netta tra persone e altre creature permette a Maxim Fujiyama di arrivare a un nuovo modo di rapportarsi con quello che era l’Altro. Considerando i danni che quella separazione ha causato al mondo, certe riflessioni sarebbero utili prima che la civiltà crolli.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *