L’anno dei dominatori di Ian Watson

L'anno dei dominatori di Ian Watson
L’anno dei dominatori di Ian Watson

Il romanzo “L’anno dei dominatori” (“Mockymen”) di Ian Watson è stato pubblicato per la prima volta nel 2003. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1496 di “Urania” e nel n. 185 di “Urania Collezione” nella traduzione di Cecilia Scerbanenco.

Christine “Chrissy” Clark e il suo fidanzato Steve Bryant gestiscono un’azienda che produce puzzle i quali ricevono una proposta di lavoro fuori dal normale quando un anziano norvegese chiede loro di andare in un parco di Oslo ed essere fotografati nudi mentre abbracciano delle statue. La proposta è strana ma l’uomo li paga bene perciò decidono di accettare.

Il lavoro sembra finito ma Chrissy e Steve non sembrano riuscire a tornare alla loro normale vita quotidiana. In particolare, Chrissy comincia ad avere incubi connessi al servizio fotografico perciò decide di indagare e scopre che l’uomo che li aveva assunti era connesso con pratiche occulte dei nazisti. Quando torna a Oslo parla con un uomo che aveva incontrato al parco e la situazione ha conseguenze inaspettate.

Ian Watson è un autore che tipicamente scrive romanzi che mescolano generi e sottogeneri mischiandone gli elementi in modi che rendono le etichette limitanti. Nel caso de “L’anno dei dominatori” c’è una storia che ha una prima parte legata alle ossessioni dei nazisti per l’occultismo ma quelli che sembrano elementi soprannaturali vengono successivamente spiegati in termini fantascientifici.

Il problema comincia per me nella seconda parte con il modo scelto da Ian Watson per continuare la narrazione, che è totalmente diverso rispetto alla prima parte al punto di sembrare una storia diversa. C’è un salto in avanti nel tempo di 18 anni e c’è un motivo ma improvvisamente ci sono alieni sulla Terra di cui l’autore non dice quasi nulla anche se appare finalmente il concetto di Finti-Uomini del titolo originale del romanzo.

La prima parte è narrata in prima persona da Chrissy, con la seconda c’è un cambio di narratore. Anna Sharman, agente dei servizi segreti britannici, narra il resto del romanzo in prima persona. Il lettore comincia a conoscerla quando cerca di ricostruire gli eventi della prima parte e questo per me è un altro problema perché ho appena letto quegli eventi e ripercorrerli mi è risultato noioso.

Successivamente, secondo me “L’anno dei dominatori” migliora perché le indagini di Anna Sharman permettono a Ian Watson di rivelare pian piano chi sono gli alieni, le loro intenzioni e i motivi per i quali forniscono agli umani tra le altre cose la droga chiamata Beatitudine. A quel punto il romanzo è pura fantascienza e mostra la grande fantasia di quest’autore che dà a fenomeni considerati soprannaturali spiegazioni pseudo-scientifiche pur senza dettagli perché non scrive fantascienza “hard”.

Tutto ciò per me rimane troppo eterogeneo, un minestrone non ben mescolato che cambia continuamente sapore. L’impressione è che buona parte della storia, dall’occultismo nazista alla presenza di alieni sulla Terra, servisse a Ian Watson per offrire spunti di riflessione sul rapporto mente-corpo. Il mix di generi permette all’autore di esplorare la questione da vari punti di vista che includono la reincarnazione e il trasferimento della mente da un corpo ad un altro usando tecnologie aliene.

Ian Watson ha una certa tendenza a scrivere storie poco omogenee, proprio perché scrive opere piene di idee che possono essere intriganti ma vengono sviluppate in modo caotico. Quando riesce a tenere quel caos sotto controllo, l’autore offre grandi storie ma spesso ha problemi a gestire quel caos e a sviluppare adeguatamente le varie idee in romanzi che hanno una lunghezza limitata.

Alla fine, “L’anno dei dominatori” è secondo me un romanzo con un ritmo altalenante e personaggi generalmente funzionali alla trama e di conseguenza con uno sviluppo limitato. In esso vedo decisamente più i difetti di Ian Watson che i suoi pregi e di conseguenza ne sono rimasto abbastanza deluso. Se le caratteristiche che mi sono parse negative non sono un problema e i temi contenuti vi interessano potrebbe piacervi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *