Facciamolo virale di Richard Larson

La ragazza fantasma di Richard Larson
La ragazza fantasma di Richard Larson

Il racconto breve “Facciamolo virale” (“Let’s Take This Viral”) di Richard Larson è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia in italiano e inglese “Ghost Girl – La ragazza fantasma” nella traduzione di Lorenzo Crescentini.

Dopo molto tempo Default decide di scendere nei quartieri notturni per cercare di tirarsi un po’ su di morale dopo aver annullato il contratto di condivisione genetica con la sua ormai ex amante. È rimasto indietro rispetto alle ultime tendenze ma il suo amico Schorr, che nel frattempo ha cambiato sesso, lo aiuta a trovare il divertimento post-umano giusto per lui, anche basato su virus e batteri della Vecchia Terra.

“Facciamolo virale” è basata su un’idea già ampiamente sfruttata: un protagonista che cerca un po’ di sballo dopo la fine di una relazione sentimentale. In questo caso, Richard Larson cerca di immaginare che tipo di sballo potrebbe cercare un post-umano in un futuro in cui modifiche fisiche e intelligenze artificiali sono la norma.

In quel futuro, in cui anche la tecnologia medica è estremamente progredita, un modo per sballarsi può essere nell’iniettarsi germi patogeni che sarebbero letali per gli umani di oggi. Tosse convulsiva e vomito possono essere divertenti per gli edonisti del futuro perché le sensazioni che danno spezzano la normale routine che in una vita lunghissima può diventare incredibilmente noiosa.

L’effetto è piuttosto curioso nel senso che leggendo “Facciamolo virale” si ha una sensazione di familiarità perché la trama riguarda un momento di vita comune anche oggi e quindi è assolutamente comprensibile anche se i protagonisti sono post-umani ma viene raccontata usando parole e concetti riguardanti quel futuro.

I protagonisti saranno pure post-umani ma in questo racconto sembra che la tecnologia non abbia realmente cambiato la natura umana. Viene da chiedersi se sia realistico pensare che gli esseri umani saranno in grado di modificare se stessi in maniera radicale ma mentalmente saranno gli stessi di oggi. “Facciamolo virale” fa pensare a questo possibile paradosso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *