Inferno di Mike Resnick

Inferno di Mike Resnick
Inferno di Mike Resnick

Il romanzo “Inferno” (“Inferno”) di Mike Resnick è stato pubblicato per la prima volta nel 1993. È il terzo libro della serie della Commedia Galattica e segue “Purgatorio: storia di un mondo lontano“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1257 e 1654 di “Urania” nella traduzione di Maura Arduini.

Sul pianeta Faligor una specie senziente ha sviluppato una civiltà pre-tecnologica in cui tra le varie tribù si è instaurato un certo equilibrio. Le interferenze della Repubblica nella storia di altre specie più primitive ha portato a risultati catastrofici perciò stavolta gli esseri umani che arrivano sul pianeta cercano di avere un atteggiamento più amichevole verso i nativi.

Attraverso Arthur Cartright del Dipartimento di Cartografia e alcuni altri umani rappresentanti della Repubblica, viene portato avanti un tentativo di preparare i nativi a contatti con altri pianeti che possono includere rapporti commerciali. Nonostante la buona volontà, l’equilibrio su Faligor viene distrutto.

“Inferno” comincia quasi esattamente come i romanzi precedenti della serie, con un’introduzione in cui Mike Resnick racconta una variante di una parabola che vede protagonisti uno scorpione e un coccodrillo. L’unica differenza è che in questo terzo romanzo Mike Resnick menziona l’Uganda al posto di Zimbabwe e Kenya indicando quale nazione africana è la protagonista della storia mascherata da una patina di fantascienza.

I pianeti Peponi e Rockgarden, su cui si svolgono gli eventi dei due romanzi precedenti, vengono menzionati in “Inferno” perché le loro storie si sviluppano poco prima dell’inizio di quella di Faligor all’interno della storia futura creata da Mike Resnick ma i tre romanzi sono completamente indipendenti. Fanno parte di una trilogia ambientata nello stesso universo narrativo e hanno in comune il tema di fondo, l’allegoria del colonialismo in Africa, ma ognuno di essi può essere letto in modo autonomo e in qualsiasi ordine senza perdere nulla di importante.

“Inferno” mostra un atteggiamento da parte degli esseri umani nei confronti di una specie tecnologicamente più primitiva diverso rispetto a quanto visto nei romanzi precedenti della serie. Su Faligor cercano di aiutare i nativi a prepararsi per avere rapporti alla pari con le specie più avanzate contribuendo ad esempio all’istruzione dei nativi. Per questo motivo, il risultato diventa ancor più tragico.

Il romanzo è visto in parte dai punti di vista dell’esoentomologa Susan Beddoes e di Arthur Cartright, che cerca di instaurare rapporti amichevoli tra la Repubblica e le autorità di Faligor e di evitare che il pianeta venga devastato per sfruttarne le risorse. La speranza è che i nativi di Faligor possano superare le loro divisioni tribali e arrivare a un governo unificato che un giorno si unisca alla Repubblica ma le cose cominciano ad andare in modo ben diverso.

Le intenzioni degli umani sono buone ma la loro influenza ha conseguenze impreviste. Il concetto di democrazia è ottimo sulla carta ma deve essere non solo applicato nella pratica ma anche essere difeso da chi vuole aggirarlo per i proprio interessi. Su Faligor vengono indette le prime elezioni presidenziali e il candidato amico della Repubblica viene sconfitto, un evento che dà inizio a una deriva autoritaria.

La trama rispecchia ciò che è successo in Uganda negli scorsi decenni e in particolare durante la sanguinaria dittatura di Idi Amin. In “Inferno” il sogno di un pianeta unificato lascia il passo all’incubo di tribalismi più estremi che mai che portano a uccisioni di massa, pulizia etnica e brutali repressioni di qualsiasi opposizione. L’esperimento sociale supportato soprattutto da Arthur Cartright fallisce ma a quel punto la Repubblica decide di non intervenire sul pianeta lasciando che i nativi si uccidano tra di loro.

Si tratta di una storia davvero tragica di quella che è soprattutto una guerra civile in cui la maggior parte delle persone comuni su Faligor non tenta di rovesciare i dittatori che si avvicendano nel corso del tempo e anzi spesso pensa di meritarlo. Sono persone che discendono da molte generazioni che sono state fedeli a sovrani tribali perciò solo una minoranza cerca di ribellarsi, a volte sopo aver subito terribili soprusi.

All’inizio di “Inferno” Susan Beddoes incontra il più importante sovrano tribale, discendente di trecento sovrani precedenti di cui le persone comuni sono state sudditi. Dopo tutte quelle generazioni, in pochissimi anni i sudditi si trovano ad avere la possibilità di scegliere i loro governanti, cosa potrebbe mai andare storto?

Come nei romanzi precedenti, Mike Resnick usa un pianeta alieno per raccontare molti anni della storia di una nazione africana senza fornire giudizi, usando i personaggi per esprimere i vari punti di vista. In questo caso, sono soprattutto i due protagonisti ad avere questo ruolo, nel corso delle discussioni che hanno tra di loro o quando hanno a che fare con i vari leader di Faligor.

In “Inferno” gli eventi sul pianeta Faligor rispecchiano quelli in Uganda, che hanno conseguenze anche sulla situazione attuale di quella nazione. Per questo motivo secondo me è un romanzo da leggere, come anche gli altri due della serie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *