Coyote – Estrema frontiera di Allen Steele

Coyote - Estrema frontiera di Allen Steele (edizione britannica)
Coyote – Estrema frontiera di Allen Steele (edizione britannica)

Il romanzo “Coyote – Estrema frontiera” (“Coyote Frontier”) di Allen Steele è stato pubblicato per la prima volta nel 2005. È il terzo romanzo della serie Coyote e segue “Coyote Rising“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 2 di “Urania Jumbo” nella traduzione di Fabio Feminò.

Quando un’astronave dell’Alleanza Europea raggiunge Coyote, i suoi abitanti si preparano al peggio. Sono passati vent’anni dalla ribellione ma Carlos Montero non ha dimenticato quel difficile periodo perciò è pronto a tutto anche se il Capitano Anastasia Tereshkova ha comunicato che le sue intenzioni sono pacifiche e anzi intende aprire una nuova via di comunicazione tramite un portale.

Per gli abitanti Coyote la situazione è completamente nuova. Le apparecchiature disponibili sono vecchie e pian piano si stanno guastando, ottenere nuove forniture permetterebbe di migliorare la vita di tutti. La priorità però è mantenere la propria indipendenza ma nell’instaurare rapporti commerciali con la Terra c’è il rischio di ripetere gli errori commessi sul pianeta madre.

A differenza dei primi due romanzi, “Coyote – Estrema frontiera” non è una raccolta di racconti pubblicati in precedenza ma Allen Steele ha scelto di mantenere una struttura molto simile, con varie storie interconnesse in vari modi per formare una trama più grande. Le storie completano la trilogia di Coyote, la prima di una serie che l’autore ha espanso negli anni successivi.

I vari libri raccontano diverse fasi della colonizzazione di Coyote, una delle lune di un pianeta gigante gassoso nel sistema di 47 Ursae Majoris, a 46 anni luce dalla Terra. In “Coyote – Estrema frontiera” ciò significa inserire un sistema per viaggiare instantaneamente da un portale ad un altro con tutte le sue conseguenze invece di limitarsi a continuare le storie dei coloni.

Nonostante la disponibilità di macchinari e apparecchiature elettroniche, per molti versi la vita su Coyote rimane quella tipica dei pionieri, tutt’altro che facile. La Terra è lontana perché per decenni sono stati possibili solo viaggi a velocità subluce ma lo sviluppo della tecnologia dei portali cambia completamente la situazione.

I nuovi problemi in realtà sono vecchi, nel senso che le nazioni terrestri sono interessate alle risorse di Coyote perché la Terra sta ancora pagando le conseguenze a lungo termine dello sfruttamento compiuto nei secoli precedenti che ha causato inquinamento, distruzione della natura e cambiamenti climatici. Come evitare di ridurre Coyote come la Terra?

“Coyote – Estrema frontiera” è fortemente orientato a questo e altri dilemmi etici e morali connessi alla politica, all’economia e all’ecologia. Sono temi che in vari modi avevano già costituito una parte importante dei primi due romanzi, in questo caso Allen Steele li ha sviluppati basandosi sui nuovi contatti tra Coyote e la Terra e sui contrasti esistenti tra i due mondi.

La situazione su Coyote è resa ancor più complessa dalla presenza dei nativi chirreep, una specie già apparsa di cui in questo romanzo vengono forniti altri indizi riguardo alle loro capacità mentali. Sulla Terra le scelte riguardo all’ambiente hanno causato l’estinzione di molte specie, chirreep e altre specie di Coyote verranno sacrificate sull’altare di un nuovo benessere per gli abitanti umani?

Come nei romanzi precedenti, Allen Steele non sviluppa i vari temi di “Coyote – Estrema frontiera” in maniera particolarmente approfondita anche se in questo caso hanno maggiore spazio rispetto a quello avventuroso. Gli abitanti di Coyote sono per molti versi ancora pionieri ma per loro è iniziata una nuova fase con vari dilemmi etici e morali analoghi a quelli dei terrestri del presente.

Tra i personaggi, alcuni sono già apparsi nel romanzo precedente e se ne può apprezzare lo sviluppo, soprattutto Carlos Montero e la moglie Wendy. Altri personaggi sono nuovi tra i terrestri e la nuova generazione di Coyote ma il loro sviluppo è un po’ limitato, spesso funzionale alla trama.

“Coyote – Estrema frontiera” offre interessanti spunti di riflessione ma per quanto riguarda i temi politici, sociali ed ecologici ci sono altre opere decisamente più approfondite. Secondo me è comunque una buona conclusione per la trilogia di Coyote che lascia alcuni spunti narrativi aperti per le storie successive. Il prologo è un riassunto dei romanzi precedenti mascherato da racconto ma è decisamente meglio averli letti: se vi sono piaciuti, anche questo terzo romanzo è da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *