Jack Williamson nacque 110 anni fa

Ritratto di Jack Williamson su Air Wonder Stories nel 1929
Ritratto di Jack Williamson su Air Wonder Stories nel 1929

John Stewart Williamson nacque il 29 aprile 1908 a Brisbee, in quello che allora era chiamato il territorio dell’Arizona, negli USA. Cresciuto in un ranch dove c’era ben poco oltre ai pascoli e agli animali, la fantasia fu per lui l’unica forma di evasione e trascorse anni a inventare storie da raccontare al fratello e alle sorelle.

Quando un amico gli passò una copia della rivista “Amazing Stories” decise di provare a scrivere anche lui fantascienza e nel 1928 il suo racconto “The Metal Man” vi venne pubblicato col nome Jack Williamson, quello che successivamente usò normalmente anche se a volte usò pseudonimi come Will Stewart e Nils O. Sonderlund.

All’inizio della sua carriera, Jack Williamson venne influenzato soprattutto da Abraham Merritt ma venne anche colpito dalle opere di Miles J. Breuer e decise di contattarlo. I due finirono per collaborare pubblicando assieme opere come “The Girl from Mars” del 1929 e “Nascita di una nuova repubblica” (“Birth of a New Republic”) del 1931.

Il primo grande successo per Jack Williamson arrivò con l’inizio del ciclo della Legione dello spazio, inizialmente formata da tre romanzi pubblicate a puntate sulla rivista “Astounding” nel corso degli anni ’30: “La legione dello spazio” (“The Legion of Space”), “Quelli della cometa”, conosciuto anche come “Gli uomini della cometa” o “Il popolo della cometa” (“The Cometeers”) e “L’enigma del Basilisco” (“One Against the Legion”). Dopo parecchi anni questi romanzi vennero pubblicati come libri e l’autore scrisse il romanzo breve “Vicino a Niente”, conosciuto anche come “L’incognita di Spazio-no” o “Vicino a Niente. Un’avventura della Legione dello spazio” (“Nowhere Near”) e il romanzo “La regina della legione” (“The Queen of the Legion”) del 1983.

Jack Williamson era diventato rapidamente un importante autore di space opera ma nel 1940 pubblicò il racconto lungo “Darker Than You Think”, di genere fantasy / horror, che qualche anno dopo espanse in un romanzo dallo stesso titolo inglese noto in Italia come “Il figlio della notte”, considerato tra i capolavori dell’autore.

Nel 1942 Jack Williamson pubblicò con lo pseudonimo Will Stewart il racconto “Collision Orbit” in cui viene usato per la prima volta il termine terraformazione. L’idea dell’antimateria inclusa nel racconto venne utilizzata ancora in quella che divenne un’altra serie, quella del millennio dell’Antimateria, formata anche dai romanzi “La guerra dell’antimateria” (“Seetee Shock”) del 1949 e “L’astronave di antimateria” (“Seetee Ship”) del 1951.

Nel 1947 Jack Williamson pubblicò il racconto “Con le mani in mano”, conosciuto anche come “…per proteggere l’uomo dal male” (“With Folded Hands”). I concetti vennero espansi e sviluppati in maniera un po’ diversa nel romanzo “Gli umanoidi” (“The Humanoids”) del 1949. L’autore scrisse un altro seguito molti anni dopo, “Il ritorno degli umanoidi” (“The Humanoid Touch”) del 1980.

Negli anni ’50 Jack Williamson cominciò una collaborazione con il collega Frederik Pohl. I due pubblicarono vari romanzi tra cui spicca la trilogia delle scogliere dello spazio: “Le scogliere dello spazio” (“The Reefs of Space”) del 1964, “Il figlio delle stelle” (“Starchild”) del 1965 e “Stella solitaria” (“Rogue Star”) del 1969.

Nonostante l’intensa attività di scrittore, negli anni ’50 Jack Williamson è riuscito anche a prendere una laurea in inglese presso la Eastern New Mexico University (ENMU) e nel 1960 è diventato insegnante presso l’università anche se ha conseguito il Ph.D. in letteratura inglese all’Università del Colorado a Boulder. Ha portato avanti la sua attività di insegnante con regolarità fino al 1977.

Jack Williamson ha continuato a lavorare anche come scrittore e il suo stile si è evoluto nel corso degli anni. Ha continuato a scrivere space opera come ad esempio “I figli della Luna” (“The Moon Children”) del 1972 ma si tratta di romanzi ben più sofisticati di quelli che scriveva decenni prima.

Nel 2001 Jack Williamson ha pubblicato il romanzo breve “La Terra definitiva” (“The Ultimate Earth”), vincitore dei premi Hugo e Nebula. È lo scrittore più anziano a vincere quei premi in qualsiasi categoria. Il suo ultimo romanzo, “The Stonehenge Gate”, è stato pubblicato nel 2005.

Jack Williamson è morto il 10 novembre 2006. In quasi 80 anni di attività è passato attraverso molte fasi di evoluzione della fantascienza adattandosi alle novità e riuscendo a mantenere una freschezza nelle sue opere. È stato un autore davvero prolifico e longevo che ha segnato decenni di fantascienza.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *