Il mondo dei Berserker di Fred Saberhagen

Il mondo dei Berserker di Fred Saberhagen
Il mondo dei Berserker di Fred Saberhagen

Il romanzo “Il mondo dei Berserker” (“Berserker”) di Fred Saberhagen è stato pubblicato per la prima volta nel 1967. È il risultato dell’unione di vari racconti brevi pubblicati negli anni precedenti. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1152 di “Urania” e nel n. 133 di “Urania Collezione” nella traduzione di Maura Arduini. L’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Nel corso di un’antichissima guerra spaziale due specie si scontrarono fino a causare la reciproca estinzione. Di quella guerra sono rimaste solo astronavi gestite da intelligenze artificiali dotate di armi potentissime, della capacità di autoripararsi dopo aver subito danni in battaglia e di costruire altre astronavi con le caratteristiche necessarie alla guerra.

La fine della guerra per cui queste macchine robotiche sono state costruite non ferma la loro attività, che si sposta verso altre specie con lo scopo di portare anch’esse all’estinzione. Tra le specie senzienti, i discendenti dei terrestri sembrano gli unici in grado di combattere questi nemici, a cui hanno dato il nome di Berserker.

Nel 1963 Fred Saberhagen pubblicò sulla rivista “Worlds of If” il racconto breve “Fortress Ship” in cui apparivano per la prima volta i Berserker. Il nome deriva dalla mitologia norrena, in cui indica guerrieri preda di una furia omicida durante una battaglia, dovuto al fatto che queste macchine implacabili hanno il preciso scopo di distruggere qualsiasi forma di vita.

La differenza fondamentale tra le macchine create da Fred Saberhagen e i guerrieri della mitologia è che le macchine sono dotate di un’intelligenza artificiale e non si limitano ad attaccare qualsiasi essere vivente con le loro armi ma cercano la vittoria con qualsiasi mezzo, anche subdolo. Cercano di ingannare il loro nemico, raccolgono informazioni quando possono, se ritengono di averne bisogno usano creature senzienti come schiavi.

Per questi motivi, la serie dei Berserker non è una tipica fantascienza militare. I vari racconti brevi uniti per formare “Il mondo dei Berserker” includono battaglie spaziali ma anche situazioni di tipo diverso come contatti tra umani e Berserker, anche se non esattamente diplomatici. In uno dei racconti c’è perfino una conversazione filosofica tra un personaggio umano e un Berserker.

Secondo me questa varietà di situazioni è sia la forza che la debolezza de “Il mondo dei Berserker”. Fred Saberhagen la usa per farci conoscere le varie strategie impiegate dai Berserker e le diverse reazioni degli esseri umani nell’affrontarli. D’altra parte, si tratta di racconti davvero brevi nei quali ci sono solo alcuni personaggi ricorrenti ma la maggioranza di essi cambia da un racconto all’altro.

In sostanza, l’autore crea un mosaico che offre una visione d’insieme della guerra ma i pezzi che lo formano sono davvero piccoli. Il ritmo varia molto a seconda che un racconto sia una storia d’azione o sia basato su conversazioni e riflessioni. I personaggi sono funzionali alle storie e solo alcuni hanno qualche specifico tratto di personalità ma non c’è spazio per svilupparli.

Il narratore non è neppure umano bensì il Terzo Storico della Razza Carmpan, una specie pacifica che fornisce agli esseri umani una sorta di supporto logistico indiretto nel corso della guerra. I Carmpan sono telepati perciò il narratore, nel corso del suo lavoro di cronista della guerra contro i Berserker, può descrivere gli stati d’animo dei personaggi offrendo anche una certa introspezione.

Quelli che mi sembrano difetti leggendo oggi “Il mondo dei Berserker” sono caratteristiche normali per racconti degli anni ’60. Oggi un successo porterebbe l’autore a scrivere seguiti più lunghi molto più rapidamente ma all’epoca potevano volerci alcuni anni prima che ciò accadesse.

I primi racconti della serie dei Berserker vennero raccolti in questo primo libro solo 3 anni dopo la pubblicazione del primo e solo negli anni ’70 Fred Saberhagen cominciò a scrivere i seguiti avendo in mente il formato più lungo e comunque continuò a scrivere opere brevi all’interno della serie, le quali vennero successivamente raccolte in altri libri. Secondo me, anche leggendo oggi “Il mondo dei Berserker” i pregi superano i difetti perciò credo che valga la pena di leggerlo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *