Nuovi dettagli sull’uomo di Neanderthal conosciuto come La Ferrassie 1

Riproduzione di La Ferrassie 1
Riproduzione di La Ferrassie 1

Un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Human Evolution” descrive un nuovo esame dello scheletro di uno dei più famosi uomini di Neanderthal, conosciuto come La Ferrassie 1 perché scoperto nel sito francese di La Ferrassie nel 1909. Un team di ricercatori guidato da Asier Gomez-Olivencia dell’Università dei Paesi Baschi ha sottoposto lo scheletro a esami che sfruttano le nuove tecnologie ottenendo nuove informazioni sulla sua specie e sui problemi fisici di quest’uomo vissuto qualche decina di migliaia di anni fa.

L’uomo di Neanderthal conosciuto come La Ferrassie 1 venne trovato assieme ai resti di una donna adulta e di parecchi bambini in quella che venne interpretata come una tomba in cui erano stati sepolti intenzionalmente. I Neanderthal erano già conosciuti ma un secolo fa erano considerati più scimmie che esseri umani perciò quella scoperta fu importante nel rivedere quei giudizi.

La Ferrassie 1 è stato particolarmente importante nelle ricerche sui Neanderthal perché l’eccellente stato di conservazione del suo scheletro e soprattutto del suo cranio, il più completo della sua specie trovato finora. La foto (©Photaro) mostra una riproduzione dello scheletro e una ricostruzione artistica del possibile aspetto dell’uomo.

Per decenni il cranio di La Ferrassie 1 è stato il cranio di ominide più grande conosciuto, superato solo negli anni ’60 da quello di un altro Neanderthal. Anche queste misurazioni sono state importanti perché hanno dimostrato che questa specie era dotata di cervelli che potevano essere anche più grandi di quelli degli uomini moderni.

La caverna in cui gli scheletri di La Ferrassie 1 e degli altri Neanderthal sono stati scoperti è stata occupata più volte da quella specie di ominini nel corso dei millenni. L’uomo visse tra 40.000 e 54.000 anni fa e morì a un’età che probabilmente superava i 50 anni, un anziano per gli standard dell’epoca. Varie fratture subite nel corso della sua vita erano già conosciute, stavolta i ricercatori speravano di scoprire maggiori dettagli, anche in punti difficili da esaminare a occhio nudo e non solo delle fratture.

Per raggiungere il loro scopo, i ricercatori hanno sottoposto lo scheletro di La Ferrassie 1 a TAC e microTAC che hanno permesso di crearne una ricostruzione tridimensionale e di conseguenza un modello virtuale. Ciò ha permesso ad esempio di scoprire che le ossa dell’orecchio medio, cioè martello, incudine e staffa, hanno mantenuto la loro posizione nel cranio grazie ai sedimenti del pavimento della caverna.

Le ossa dell’orecchio medio sono le più piccole del corpo umano e spesso non si preservano per tanti millenni perciò si tratta di una scoperta importante nello studio dei Neanderthal. Anche l’esame delle fratture del cranio è importante perché la conclusione è che sono post-mortem, dovute al peso dei sedimenti. Applicando i moderni criteri forensi di interpretazione della sepoltura, i ricercatori hanno concluso che si tratta di una conferma che la sepoltura fu intenzionale.

Lo scheletro mostra anche alcuni problemi che l’uomo ebbe in vita oltre ad alcune fratture come una forma di artrite e una leggera scoliosi. Le nuove tecnologie hanno già permesso di ottenere risultati importanti nel campo della paleontologia e in questo caso in quello della paleoantropologia dato che ha fornito informazioni sull’anatomia dei Neanderthal ma ha anche fornito una conferma sul trattamento dei morti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *