The Terror – Tutto per tutto

Il Capitano John Franklin (Ciarán Hinds) in Tutto per tutto (Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)
Il Capitano John Franklin (Ciarán Hinds) in Tutto per tutto (Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)

“Tutto per tutto” (“Go for Broke”) è l’episodio pilota della serie “The Terror”, un adattamento del romanzo “La scomparsa dell’Erebus” (“The Terror”) di Dan Simmons. È trasmessa negli USA da AMC Studios e in altre nazioni su Amazon Prime Video.

Nel 1846 le navi britanniche HMS Erebus e la HMS Terror sono nel corso di una spedizione che si propone di essere la prima ad attraversare l’ultimo tratto del passaggio a nord-ovest. Tuttavia, le insidie nell’artico sono molte e i marinai cominciano a morire per cause da accertare.

Per il suo romanzo Dan Simmons si ispirò a un evento storico, la spedizione perduta di Franklin. Fino a pochissimi anni fa le due navi erano perdute prima che i relitti venissero scoperti. Ci sono varie teorie sui motivi della tragedia che portò alla morte degli equipaggi nell’artico. Nel romanzo e quindi nella serie viene aggiunta una componente soprannaturale.

Non ho le conoscenze di quel periodo per poter dire se i vari elementi siano stati riprodotti fedelmente nella serie ma il primo episodio mi ha colpito in maniera favorevole per la sua atmosfera. Per ora la narrazione è concentrata sull’elemento storico, presentando i protagonisti e la spedizione, giunta a un momento critico.

Per quanto riguarda i protagonisti, grazie anche a flashback a momenti di vita precedenti all’inizio della spedizione, possiamo cominciare a farci un’idea delle loro personalità. Soprattutto ci rendiamo immediatamente conto dei potenziali pericoli esistenti nell’artico per una spedizione della metà del XIX secolo.

La HMS Erebus rischia di essere azzoppata da un blocco di ghiaccio che colpisce l’elica del propulsore, un grosso problema per una nave con un motore a vapore, una tecnologia all’avanguardia per quei tempi. Per liberarlo, un marinaio deve scendere sott’acqua con uno scafandro.

Una possibile anticipazione dell’elemento soprannaturale arriva dalla visione di un marinaio in punto di morte. C’è la possibilità che si sia ammalato di scorbuto, una malattia che una volta poteva colpire i marinai a causa del cibo limitato disponibile durante i lunghi viaggi.

La sensazione di pericolo e inquietudine mi sembra convincente. È solo l’inizio di una storia basata su un arco narrativo perciò è possibile giudicare solo il potenziale, che mi sembra davvero interessante in una produzione che appare fin d’ora di alto livello.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *