R.I.P. Stephen Hawking

Stephen Hawking alla Biblioteca Nazionale di Francia
Stephen Hawking alla Biblioteca Nazionale di Francia

Stephen Hawking, uno dei personaggi più conosciuti nel campo della fisica e dell’astrofisica ci ha lasciati nella notte nella sua casa di Cambridge, in Inghilterra.

Avevo già scritto un omaggio a Stephen Hawking l’8 gennaio 2012, in occasione del suo 70° compleanno, che includeva varie informazioni sulla sua vita e sui suoi studi sull’universo. La sua vita è già stata raccontata in produzioni televisive e cinematografiche dato che era diventato celebre ben al di là dell’ambiente scientifico.

Per questo motivo, la storia personale di Stephen Hawking è ben conosciuta, in particolare la malattia che l’ha portato a una paralisi completa. Nel 1963 i medici gli diedero un paio di anni di vita ma evidentemente aveva ancora troppo da fare perché è sopravvissuto per altri 55 anni.

La sedia a rotelle di Stephen Hawking, diventata sempre più sofisticata nel tempo, era parte della sua immagine. Da molti anni gli era del tutto impossibile parlare e la voce sintetica generata da un computer è diventata una delle sue particolarità facilmente riconoscibili.

La fama di Stephen Hawking era da tempo paragonabile a quella di star del cinema e dello sport e d’altra parte aveva partecipato realmente ad alcune produzioni televisive. Non è un caso che tra i tanti messaggi di cordoglio che sono arrivati subito dopo l’annuncio della sua morte ci sia anche quello della produzione della serie televisiva “The Big Bang Theory”. Hawking aveva partecipato ad alcuni episodi e il tweet che lo ricorda include una sua foto con il cast.

Ufficialmente Stephen Hawking era in pensione da diversi anni ma continuava a lavorare e a promuovere la scienza. Invitava a guardare in alto verso le stelle e non in basso verso i propri piedi ma era preoccupato per i possibili sviluppi negativi dell’intelligenza artificiale e per i potenziali pericoli di essere scoperti da civiltà aliene non necessariamente amichevoli.

Gli studi di Stephen Hawking sui buchi neri per i quali era diventato celebre rimangono fondamentali nel campo di fisica e astrofisica. Chissà se alla fine ha avuto ancora la lucidità di rendersi conto dell’amara ironia di morire nel giorno dell’anniversario della nascita di Albert Einstein. Col suo senso dell’umorismo forse l’ultima sua emozione è stato di divertimento. Era ateo perciò non aveva il conforto di una religione ma quello dell’apprezzamento della vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *