Theodore Sturgeon nacque 100 anni fa

Edward Hamilton Waldo, questo è il suo nome di nascita, nacque il 26 febbraio 1918 a New York, negli USA. I suoi genitori divorziarono quando era ancora bambino e la madre si risposò con William Sturgeon, del quale prese il cognome e, cambiando anche il nome, divenne legalmente Theodore Sturgeon.

La carriera come scrittore di Theodore Sturgeon iniziò quasi per caso. Durante la sua adolescenza aveva praticato la ginnastica e voleva diventare trapezista ma contrasse una febbre reumatica che gli causò problemi di salute che lo costrinsero a interrompere l’attività ginnica. Nel 1935 cominciò a lavorare come marinaio per la marina mercantile e i tre anni trascorsi nei mari gli fornirono idee entrate successivamente in varie storie.

Dopo quell’esperienza Theodore Sturgeon cominciò a scrivere e il suo primo racconto di fantascienza, “Creature eteree”, conosciuto anche come “I mangiaspazio” (“The Ether Breather”) venne pubblicato nel 1939 sulla rivista “Astounding Science Fiction”. Per anni scrisse narrativa breve, non solo di fantascienza, pubblicata su varie riviste come “Unknown” e “Argosy Magazine”, a volte usando qualche pseudonimo.

Inizialmente i racconti di Theodore Sturgeon erano buoni ma nulla di speciale ma la prima fase della sua carriera durò solo alcuni anni. Nel 1940 si trasferì assieme alla famiglia nata dopo il suo primo matrimonio in Giamaica per dirigere un hotel. A causa della II Guerra Mondiale la situazione in quell’area divenne difficile perciò negli anni successivi visse in varie nazioni facendo vari lavori. Dopo la fine della guerra tornò negli USA, dove riprese la sua attività di scrittore con risultati migliori dei precedenti. Allo stesso tempo cominciò a fare anche l’agente letterario.

Nel 1950 Theodore Sturgeon pubblicò il suo primo romanzo, “Cristalli sognanti” (“The Dreaming Jewels”, conosciuto anche come “The Synthetic Man”), prima sulla rivista “Fantastic Adventures” e successivamente, in una versione revisionata, come libro. Nel 1953 Theodore Sturgeon pubblicò il suo secondo romanzo, “Nascita del superuomo”, conosciuto anche come “Più che umano” (“More Than Human”), ottenuto dall’unione di tre racconti pubblicati in precedenza. Sono i romanzi considerati i suoi capolavori, in cui sviluppa al meglio alcuni elementi tipici delle sue opere con protagonisti disadattati.

Nel corso degli anni ’50, Theodore Sturgeon cominciò anche a lavorare a sceneggiature per varie serie televisive. Quelle più note sono probabilmente quelle degli episodi “Licenza di sbarco” (“Shore Leave”) e “Il duello” (“Amok Time”) della serie originale di “Star Trek“.

Nel corso di una vita segnata da vari matrimoni con diversi figli, Theodore Sturgeon riuscì anche a scrivere alcuni altri romanzi come “I figli di Medusa” (“The Cosmic Rape”) del 1958 e “Venere più X” (“Venus Plus X”) del 1960 curando anche varie antologie che raccolsero i suoi racconti. La sua attività di scrittore si diradò a partire dagli anni ’60.

Theodore Sturgeon visse per parecchi anni a Springfield, nell’Oregon, dove morì l’8 maggio 1985 di fibrosi polmonare. Ha lasciato un segno nel campo della fantascienza con storie in cui esplora in vari modi l’umanità dei suoi personaggi. È rimasto noto anche per la legge che porta il suo nome secondo cui “Il novanta per cento della fantascienza è spazzatura, ma in effetti il novanta per cento di tutto è spazzatura”.



2 Comments


  1. Ha ragione. Il 70 % (per me ) è spazzatura ma non certo i suoi “”Cristalli sognanti””

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *