La ragazza nell’atomo d’oro di Ray Cummings

La ragazza nell'atomo d'oro di Ray Cummings
La ragazza nell’atomo d’oro di Ray Cummings

Il romanzo “La ragazza nell’atomo d’oro” (“The Girl in the Golden Atom”) di Ray Cummings è stato pubblicato per la prima volta nel 1922. In Italia è stato pubblicato da Armenia Editore nel n. 8 di “Fantascienza” e da Mondadori nel n. 181 di “Urania Collezione” nella traduzione di Roberta Rambelli. La versione originale del romanzo è liberamente disponibile sul sito del Progetto Gutenberg. L’edizione “Urania Collezione” è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Nel corso delle sue ricerche, il Chimico si è reso conto che in un atomo d’oro dell’anello nuziale di sua madre c’è un intero mondo. Con un microscopio sofisticatissimo riesce a scoprire la presenza di abitanti di quel mondo e in particolare una bellissima ragazza. Affascinato da lei, cerca un modo per raggiungere quel mondo e inventa una sostanza in grado di miniaturizzarlo assieme a una in grado di ingrandirlo.

Il Chimico racconta ai suoi amici delle sue scoperte e annuncia loro che intende miniaturizzarsi per entrare in contatto con il mondo esistente nell’atomo che ha esaminato. Quando lo fa, incontra una civiltà che vive su quel mondo e Lylda, la ragazza che aveva visto nel corso delle sue ricerche. Lì scopre che il popolo di Lylda è minacciato a causa dell’aggressione dei loro vicini.

Prima di essere uno scrittore del genere che solo dopo vari anni ebbe il suo nome odierno, Ray Cummings lavorò come assistente del celebre inventore Thomas Edison. Nel 1919 pubblicò sulla rivista “All-Story Weekly” il racconto “The Girl in the Golden Atom” che l’anno successivo ebbe un seguito sulla stessa rivista intitolato “People of the Golden Atom”. Nel 1922 le due storie vennero successivamente unite per formare il romanzo “La ragazza nell’atomo d’oro”.

Nel suo lavoro, Ray Cummings aveva accumulato esperienza in campo scientifico ma le basi del suo romanzo sono azzardate anche per l’epoca in cui venne scritto. L’idea è che esistano mondi subatomici abitati da esseri molto simili agli umani, tanto che il protagonista è in grado di comunicare con loro molto facilmente. Un uomo del nostro mondo e una donna di un mondo submicroscopico possono addirittura avere figli.

Per passare dal nostro mondo a uno dei mondi subatomici serve solo avere la sostanza chimica giusta che miniaturizzi chi la assume oralmente e curiosamente pare che anche i vestiti che indossa vengano miniaturizzati assieme a lui/lei. Un’altra sostanza permette a una persona di compiere il passaggio opposto, sempre assieme ai propri vestiti. Insomma, oggi serve una forte sospensione dell’incredulità per leggere “La ragazza nell’atomo d’oro”.

Il romanzo è narrato in un modo tipico dell’epoca, per la maggior parte come un resoconto raccontato dal protagonista e per il resto dal punto di vista dei suoi amici. I nomi di un paio di essi sono menzionati alcune volte in alcuni dialoghi ma l’autore si riferisce ad essi sempre come il Chimico, il Dottore, l’Uomo Molto Giovane, il Banchiere e il Grande Uomo d’Affari e li sviluppa in maniera limitata.

Ray Cummings scrisse le due storie che formano “La ragazza nell’atomo d’oro” negli anni immediatamente successivi alla I Guerra Mondiale e ciò si sente molto anche nella trama. Il Chimico si rende conto del pericolo che le sostanze da lui inventate possano essere utilizzate in modi negativi nel nostro mondo. Durante il suo viaggio nel mondo subatomico i poteri che derivano dall’uso di quelle sostanze hanno conseguenze sempre maggiori di cui deve tener conto.

Le considerazioni etiche e morali sono anche legate a una sorta di utopia che il Chimico trova nel mondo subatomico. Per certi versi anche quest’elemento è molto datato perché quella che viene descritta è sostanzialmente una civiltà contadina. Tuttavia, per l’epoca quella civiltà era anche decisamente progressista perché era egalitaria con parità di diritti tra uomini e donne.

Quando il Chimico arriva in quel mondo, quella civiltà è in pericolo a causa dell’aggressività della nazione vicina, che minaccia di travolgere nemici pacifici e quindi non abituati a fare la guerra. Il protagonista interviene in favore del popolo di Lylda ma ciò ha conseguenze a lungo termine.

Questi spunti, assieme a quelli di carattere sociale, non sono particolarmente sviluppati ma danno almeno un po’ di profondità alla storia andando un po’ oltre la semplice avventura. Anche se questa scelta a volte rallenta il ritmo della narrazione, quegli elementi decretarono il successo de “La ragazza nell’atomo d’oro” e lo resero un classico della proto-fantascienza.

Oggi “La ragazza nell’atomo d’oro” è molto datato sotto molti punti di vista e va letto tenendo presente non solo la sua età ma anche il fatto che si tratta dopo tutto di un’opera scritta per il mercato delle riviste pulp. Tenendo presente tutto ciò può essere ancora una lettura piacevole.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *