Entoverse di James P. Hogan

Entoverse di James P. Hogan (edizione britannica)
Entoverse di James P. Hogan (edizione britannica)

Il romanzo “Entoverse” (“Entoverse”) di James P. Hogan è stato pubblicato per la prima volta nel 1991. È il quarto libro del ciclo dei Giganti e segue “La stella dei giganti“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1 di “Urania Jumbo” nella traduzione di Marcello Jatosti. È disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Lo spegnimento di JEVEX, il supercomputer che gestiva molte attività della civiltà umana del pianeta Jevlen, sembra aver lasciato almeno una parte della popolazione in uno stato praticamente isterico. I Thurieni chiedono consiglio ai terrestri per cercare di capire come gestire al meglio la situazione. Victor Hunt collabora ancora una volta con Ganiani e Thurieni per capire perché la società jevleniana sia sull’orlo del caos.

Una setta sta diventando sempre più potente nel suo universo ma lo scopo dei suoi leader è quello di prendere piede sul pianeta Jevlen. Le anime dei suoi adepti devono essere trasferite nei corpi dei jevleniani per poter agire sul luogo e pian piano prendere il controllo della loro società ma agire in un universo che obbedisce a precise leggi fisiche e non a regole magiche non è facile.

James P. Hogan riprese il suo ciclo dei Giganti circa un decennio dopo aver scritto “La stella dei giganti” e “Entoverse” rispecchia anche i cambiamenti avvenuti a livello personale. Il ciclo era nato come esempio di fantascienza archeologica, era diventato anche una storia di contatti con una civiltà aliena ma già nel terzo libro gli elementi di complottismo erano tra le basi della trama. “Entoverse” è incentrato quasi solo su elementi del complottismo che era diventato parte della vita dell’autore e secondo me questa è anche la causa dei suoi problemi.

Questo nuovo romanzo comincia poco dopo la fine del precedente, con il supercomputer JEVEX che viene spento dai Thurieni, un atto che ha conseguenze sulla società jevleniana. Nel 1991 la realtà virtuale era un argomento sviluppato già in parecchie storie di fantascienza e James P. Hogan avrebbe potuto approfondire il problema della dipendenza della popolazione da universi virtuali costruiti da JEVEX. Invece tutta la questione viene descritta in modo superficiale dall’autore, che si concentra sui piani per prendere il controllo di Jevlen.

I Thurieni, nonostante i millenni di stretti contatti con i jevleniani, sembrano incapaci di capire la psicologia degli umani e si rivolgono ai terrestri per cercare di capire i motivi della crescente irrazionalità degli abitanti di Jevlen. La creazione di alieni con una psicologia diversa da quella umana è decisamente il risultato migliore di James P. Hogan per quanto riguarda i personaggi del ciclo dei Giganti ma in “Entoverse” sembra usato più che altro come una scusa per coinvolgere terrestri visto nei romanzi precedenti e in particolare Victor Hunt.

Lo sviluppo dei personaggi è stato un punto debole della serie fin dall’inizio ma era stato compensato almeno in parte da altri elementi, in particolare dai misteri relativi alle scoperte connesse agli alieni. In “Entoverse” però la trama è incentrata su un intrigo che ho trovato complessivamente poco interessante perché sviluppato proprio attorno ai personaggi e di conseguenza viene indebolito dal fatto che sono sviluppati poco o nulla.

Il ciclo dei Giganti era iniziato con un romanzo che conteneva ben poca azione e molti dialoghi ma funzionava perchè era basato su una ricerca scientifica riguardante un mistero archeologico. In “Entoverse” c’è più azione ma ci sono ancora molti dialoghi, che stavolta secondo me non funzionano e generalmente appesantiscono il romanzo.

Forse un appassionato di complotti può apprezzare molto più di me questo tipo di storia ma per me questo quarto libro ha segnato un netto calo di qualità. “La stella dei giganti” mi aveva già lasciato vari dubbi, “Entoverse” è molto più lungo ed è concentrato su elementi che mi erano già sembrati negativi nel libro precedente.

Un preambolo riassume brevemente gli avvenimenti dei primi tre romanzi ma per conoscerli abbastanza da capire bene quelli di “Entoverse” è necessario averli letti. Secondo me se “La stella dei giganti” vi è piaciuto davvero forse anche “Entoverse” vi piacerà, altrimenti credo che farete meglio a considerare il ciclo dei Giganti concluso al terzo libro.

2 Comments


  1. Non sapevo che esistesse un seguito della trilogia che ho letto e conservo ancora. Da Wiki leggo che esiste pure un quinto volume

    Reply

    1. I primi tre romanzi sono i più conosciuti perché sono nettamente i migliori e i successivi vennero scritti parecchi anni dopo. Pare che anche il quinto libro verrà pubblicato su Jumbo.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *