R.I.P. Ursula Le Guin

Ursula Le Guin nel 2008
Ursula Le Guin nel 2008

Ci ha lasciati nella giornata di lunedi la scrittrice Ursula Le Guin (foto ©Gorthian). Le cause del decesso non sono state rivelate ma la sua salute si era deteriorata nel corso dello scorso anno.

Ursula Kroeber, questo è il suo nome di nascita, nacque il 21 ottobre 1929 a Berkeley, in California, negli USA.

La madre di Ursula Le Guin, Theodora, era una scrittrice e incoraggiò la figlia e i tre figli a leggere fin dalla loro più tenera infanzia. Ursula era ancora una bambina quando cominciò a scrivere i suoi primi racconti. Studiò alla Columbia University, dove si laureò in storia della letteratura francese e del Rinascimento italiano. Dopo la laurea si trasferì a parigi, dove incontrò Charles Le Guin, con il quale si sposò nel 1953.

Per qualche tempo, Ursula Le Guin si dedicò alla famiglia, anche a causa della nascita della figlia Elisabeth nel 1957, della figlia Caroline nel 1959 e del figlio Theodore 1964. Tuttavia, nel corso di quegli anni cominciò anche a scrivere professionalmente e sottopose 5 romanzi a vari editori che però li respinsero.

All’inizio degli anni ’60, Ursula Le Guin riuscì a pubblicare i suoi primi racconti e decise di riprovare a scrivere fantascienza, un genere che aveva smesso di leggere quando aveva perso interesse nei temi delle storie che aveva trovato. Tra i racconti pubblicati ci furono anche i primi della serie fantasy di Earthsea, che continuò nel 1968 con il primo romanzo, “Il mago di Earthsea”, conosciuto anche come “Il mago” (“A Wizard of Earthsea”), seguito nel corso degli anni da altri romanzi e racconti.

In quegli anni Ursula Le Guin gettò le basi per l’altro suo grande universo narrativo, quello del Ciclo dell’Ecumene, conosciuto anche come Ciclo hainita, formato da storie generalmente separate nello spazio e nel tempo e quindi autonome. Anche in questo caso molti racconti e vari romanzi vennero pubblicati nel corso di un lungo periodo cominciando con il romanzo “Il mondo di Rocannon” (“Rocannon’s World”) del 1966.

Al ciclo dell’Ecumene appartengono quelli che forse sono i più grandi capolavori di Ursula Le Guin: “La mano sinistra delle tenebre” (“The Left Hand of Darkness”) del 1969, vincitore dei premi Hugo e Nebula, e “I reietti dell’altro pianeta“, conosciuto anche come “Quelli di Anarres” (“The Disposessed: an Ambiguous Utopia”) del 1974, anch’esso vincitore vincitore dei premi Hugo e Nebula. Un altro romanzo del ciclo di altissimo livello è “Il mondo della foresta” (“The Word for World is Forest”) del 1976, un ampliamento di un romanzo breve che vinse il premio Hugo.

Ursula Le Guin scrisse anche altri grandi romanzi come “La falce dei cieli” (“The Lathe of Heaven”) del 1971, vincitore del premio Locus, che venne adattato per due film per la televisione nel 1980 e nel 2002.

La grande fama di Ursula Le Guin è legata a fantascienza e fantasy ma nel corso della sua vita ha scritto anche opere di altri generi, saggi e poesie. Tra i libri per ragazzi c’è ad esempio la serie dei Gattivolanti.

Tra i tanti riconoscimenti, nel 2014 Ursula Le Guin ha ricevuto quello della National Book Foundation e il suo discorso di accettazione, molto critico nei confronti del mondo degli editori e in particolare di Amazon per il trattamento della letteratura come fonte di profitti, fu memorabile.

Ursula Le Guin è stata una scrittrice straordinaria per la sua capacità di creare mondi realistici anche nelle sue storie fantasy con personaggi di grande profondità. L’influenza di suo padre, un antropologo, l’ha portata a sviluppare storie in cui la cultura dei suoi mondi con le loro sfaccettature sociali e politiche erano molto importanti. I suoi punti di vista con un genuino femminismo e a volte anarchico, sono andati ben oltre tanti cliché di fantascienza e fantasy. È stata davvero una scrittrice importante ben oltre qualsiasi etichetta di genere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *