Hull Zero Three di Greg Bear

Hull Zero Three di Greg Bear
Hull Zero Three di Greg Bear

Il romanzo “Hull Zero Three” di Greg Bear è stato pubblicato per la prima volta nel 2010. È inedito in Italia.

Un uomo si risveglia dal Sogno nudo, bagnato e infreddolito in un luogo che non gli è familiare. Una ragazzina gli spiega che lui è Insegnante e deve adattarsi rapidamente o morire. Frammenti di memoria emergono ma troppo poco e troppo lentamente per mettere fine alla sua confusione. La presenza di strane creature nei corridoi non rappresenta certo un aiuto.

Insegnante cerca di capire la sua situazione ma non sa quanto possano essere affidabili le informazioni che gli vengono fornite da altre persone che incontra. Mettendo assieme le varie informazioni, si rende conto che sta viaggiando su Nave ma non conosce la destinazione. Capisce che è successo qualcosa di grave e ricostruire quegli eventi potrebbe essere la chiave per la sopravvivenza di tutti gli umani a bordo.

Il tema dell’astronave generazionale è uno dei classici della fantascienza nato prima ancora di questo genere. Il romanzo “Universo” di Robert A. Heinlein è considerato quello che ha segnato questo tema ma nei decenni successivi diverse variazioni sono state raccontate da vari autori. “Hull Zero Three” racconta una storia ambientata un tempo indeterminato dopo che sull’astronave generazione è successo qualcosa di grave.

Il romanzo è raccontato in prima persona dal punto di vista di Insegnante, un uomo che si sveglia dall’ibernazione completamente disorientato perché è stato strappato al Sogno per essere gettato in una situazione incomprensibile senza memoria. Nella prima parte il lettore partecipa alla confusione di Insegnante, che cerca di capire cosa gli stia succedendo, anche con l’aiuto di altri abitanti di Nave, che peraltro non ne sanno molto più di lui.

Se avete già letto qualche racconto sul tema dell’astronave generazionale o anche solo visto il film “Pandorum” certi elementi della prima parte di “Hull Zero Three” possono risultare meno ostici. È comunque raccontata con uno stile che sottolinea le difficoltà di Insegnante nella sua ricerca di qualche risposta su se stesso e sulla sua situazione mentre sta cercando di sopravvivere assieme ai suoi compagni di sventura.

Insegnante recupera pian piano frammenti di memoria con la conseguenza che il suo racconto diventa più preciso con descrizioni basate su un vocabolario che si amplia nel corso del romanzo. Ciò rappresenta anche un aiuto per il lettore, che riesce a farsi più facilmente un’idea di cosa stia succedendo. Ancor di più però permette a Greg Bear di sviluppare il tema del rapporto tra memoria e identità.

Dopo questa parte iniziale, le azioni di Insegnante e di coloro che hanno deciso di seguirlo hanno lo scopo di capire le cause della loro situazione. Le informazioni che hanno messo assieme sono sufficienti a stabilire che in passato, nel corso di un lungo viaggio, Nave ha subito un qualche tipo di catastrofe ma si è trattato di un incidente? Di un guasto? Di un attacco esterno? Di un sabotaggio?

Il mistero di quel disastro, assieme alla ricerca di un modo di accedere ai sistemi di Nave per assicurare a tutti la sopravvivenza e magari per conoscere la loro destinazione finale è l’elemento fondamentale del resto di “Hull Zero Three”. Insegnante sente di avere la responsabilità di aiutare non solo se stesso ma anche gli altri abitanti di Nave e anche questo è uno dei temi sviluppati.

Se per voi è importante che alla fine del romanzo vengano date risposte a tutte le domande, questo non fa per voi. Alla fine, Insegnante trova varie risposte e secondo me va bene così perché “Hull Zero Three” è basato sulla ricerca del protagonista, senza un narratore onnisciente che possa riempire i buchi rimasti, ma capisco che per qualcuno non sia abbastanza.

Nel caso di “Hull Zero Three” affermare che è il viaggio che conta e non la destinazione non è solo un modo di dire. Tutto il romanzo è incentrato su ciò che riguarda il viaggio di Nave con i relativi misteri. Anche i personaggi sono funzionali ad esso con uno sviluppo limitato se non assente. C’è dell’azione ma il ritmo generalmente non è rapido, con molti dialoghi.

Il risultato di tutto ciò è un romanzo che secondo me non è male ma neppure straordinario. Se per voi la scarsa caratterizzazione dei personaggi non è un problema forse non vi troverete grossi difetti ma io non vi ho trovato neppure grandi pregi. Secondo me “Hull Zero Three” è un romanzo che può piacere ai fan di Greg Bear e a quelli delle storie di astronavi generazionali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *