Buon compleanno John Carpenter!

John Carpenter nel 2010
John Carpenter nel 2010

John Howard Carpenter (foto ©Nathan Hartley Maas) è nato il 16 gennaio 1948 a Carthage, New York, negli USA.

Fin da bambino John Carpenter cominciò ad appassionarsi al cinema ed era ragazzino quando cominciò a girare cortometraggi horror con una telecamera da 8 mm. Allo stesso tempo prese la passione per la musica da suo padre, professore universitario di musica. Frequentò la Western Kentucky University e successivamente la School of Cinematic Arts della University of Southern California ma abbandonò gli studi prima di laurearsi per girare il suo primo film.

Nel 1974 avvenne l’esordio di John Carpenter al cinema con “Dark Star”, di cui scrisse la sceneggiatura assieme all’amico Dan O’Bannon e la colonna sonora. Un progetto iniziato all’università per poi diventare una produzione indipendente, inizialmente non ebbe successo ma dopo qualche anno ebbe risultati migliori e finì per diventare un film di culto.

John Carpenter passò al genere thriller con “Distretto 13 – Le brigate della morte” (“Assault on Precinct 13”), uscito nel 1976, di cui fu regista, sceneggiatore e compositore della colonna sonora. Ebbe un limitato successo iniziale negli USA ma venne proiettato al London Film Festival facendo un’impressione molto positiva che si estese al resto dell’Europa. Anche in questo caso, nel corso degli anni diventò un film di culto.

Il successo a livello commerciale arrivò per John Carpenter nel 1978 con “Halloween – La notte delle streghe” (“Halloween”), di cui fu regista, sceneggiatore assieme a Debra Hill e compositore della colonna sonora. Un film a basso budget, ebbe un successo tale da essere considerato il padre del genere horror/slasher.

Dopo quel successo John Carpenter diresse un paio di film per la television, lavori che gli permisero di incontrare Adrienne Barbeau, che divenne sua moglie nel 1979, e Kurt Russell, con il quale lavorò ancora in alcuni dei suoi film più importanti. Adrienne Barbeau fu anche protagonista del film “Fog” (“The Fog”), di cui Carpenter fu regista, sceneggiatore assieme a Debra Hill e compositore della colonna sonora. Il film fu un altro grandissimo successo.

Nel 1981 uscì “1997: Fuga da New York” (“Escape from New York”), di cui John Carpenter fu regista, sceneggiatore assieme a Nick Castle e compositore della colonna sonora assieme ad Alan Howarth. Il budget era più elevato rispetto ai suoi film precedenti ma non certo enorme per cui in certe scene vennero creati effetti speciali con il computer. In questo caso il successo fu sia di critica che di pubblico.

John Carpenter tornò a storie più horror, anche se con una base fantascientifica, con il film “La cosa” (“The Thing”), del 1982. In questo caso si trattava di un nuovo adattamento per il cinema del racconto di John W. Campbell “La cosa da un altro mondo” (“Who Goes There?”) e per una volta Carpenter fu solo regista. In questo caso, inizialmente il film non ebbe successo e solo dopo anni cominciò a essere considerato un film di culto migliore del primo adattamento del racconto.

John Carpenter diresse e compose la colonna sonora assieme ad Alan Howarth del film “Christine – La macchina infernale” (“Christine”), che uscì nel 1983, un adattamento del romanzo di Stephen King. I risultati di critica e pubblico furono discreti ma tutt’altro che eccezionali. Carpenter tornò alla fantascienza dirigendo il film “Starman”, uscito nel 1984, che ebbe un buon successo.

Un film completamente diverso fu “Grosso guaio a Chinatown” (“Big Trouble in Little China”), uscto nel 1986, di cui John Carpenter fu regista e compose alcune delle musiche. Fu un fallimento commerciale che marcò l’inizio dei problemi per Carpenter, che cominciò a pensare a tornare a produzioni indipendenti. Come altri suoi film, col passare del tempo divenne oggetto di culto.

John Carpenter tornò al genere horror con “Il signore del male” (“Prince of Darkness”), uscito nel 1987, di cui fu anche sceneggiatore e compositore della colonna sonora assieme ad Alan Howarth. Anche questo film fu un insuccesso commerciale che successivamente divenne oggetto di culto.

John Carpenter provò con una fantascienza che serviva a sviluppare temi sociali e politici con “Essi vivono” (“They Live”), uscito nel 1988, di cui fu anche sceneggiatore e compositore della colonna sonora assieme ad Alan Howarth. I temi del film, con la forte critica alla nostra società in cui i pecoroni agiscono come viene loro “suggerito”, portarono buoni riscontri di critica e almeno un discreto successo commerciale.

Il film “Avventure di un uomo invisibile” (“Memoirs of an Invisible Man”), uscito nel 1992, di cui John Carpenter fu regista, fu un insuccesso di critica e di pubblico. Il declino continuò con “Il seme della follia” (“In the Mouth of Madness”), uscito nel 1994 con Carpenter come regista e compositore della colonna sonora, e “Villaggio dei dannati” (“John Carpenter’s Village of the Damned”), uscito nel 1995 con Carpenter come regista e compositore della colonna sonora assieme a Dave Davies.

John Carpenter tentò di rilanciarsi con “Fuga da Los Angeles” (“Escape from L.A.”) , uscito nel 1996, di cui fu regista, co-sceneggiatore e compositore della colonna sonora assieme a Shirley Walker, ma neppure questo seguito di “1997: Fuga da New York” gli portò molto successo.

Negli anni successivi John Carpenter riprovò con i film horror, pur mescolandoli ad altri generi, con “Vampires”, uscito nel 1998, di cui fu anche compositore della colonna sonora, che ebbe un discreto successo, e “Fantasmi da Marte” (“Ghosts of Mars”), uscito nel 2001, di cui fu anche sceneggiatore assieme a Larry Sulkis e compositore della colonna sonora, che ebbe scarso successo.

A quel punto, John Carpenter si prese una pausa e nel 2005 e 2006 ha diretto due episodi della serie antologica “Masters of Horror”. Il ritorno al cinema è avvenuto nel 2010, con il film “The Ward – Il reparto” (“The Ward”), di cui è stato solo regista, ma senza riuscire a tornare al successo.

Negli ultimi anni John Carpenter si è dedicato soprattutto alla musica ma nel 2016 è stato annunciato il suo ruolo come produttore esecutivo di un nuovo film della serie Halloween. Nonostante le difficoltà commerciali di molti suoi film, alcuni di essi rimarranno nella storia del cinema a memoria di un regista unico.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *