Star Trek: Discovery – Il lupo dentro

Keyla Detmer (Emily Coutts ) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il lupo dentro (Immagine cortesia CBS / Netflix)
Keyla Detmer (Emily Coutts) e Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) in Il lupo dentro (Immagine cortesia CBS / Netflix)

“Il lupo dentro” (“The Wolf Inside”) è l’undicesimo episodio della serie “Star Trek: Discovery” e segue “Vostro malgrado“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “Il lupo dentro”.

Mentre la USS Discovery è nell’universo dello specchio, Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) è al comando della Shenzhou. Una missione per infliggere un duro colpo all’alleanza ribelle rappresenta un’occasione per raccogliere informazioni utili ma per alcuni guardarsi allo specchio ha conseguenze impreviste.

Subito dopo aver finito di guardarlo, “Il lupo dentro” mi sembra finora il miglior episodio della serie. L’inizio del nuovo arco narrativo con la USS Discovery nell’universo dello specchio aveva offerto buone speranze e mi pare che gli sviluppi siano interessanti, anche se ancora una volta non del tutto sorprendenti.

La scelta di costruire una storia su più episodi e quindi molto più lunga di quelle delle serie precedenti ambientate nell’universo dello specchio offre molte più possibilità di sfruttare sia le emozioni e le reazioni dei protagonisti che la storia alternativa. L’incontro con i rappresentanti dell’alleanza ribelle crea in particolare un gioco di specchi che ha notevoli conseguenze anche indirette come nel caso di Sarek.

Finalmente c’è un chiarimento sull’identità di Ash Tyler (Shazad Latif) che non è esattamente una rivelazione. C’è di positivo che ciò è stato sviluppato in modo secondo me buono, con un faccia a faccia che ha mandato a pezzi la personalità umana per far emergere quella di Voq. Anche il successivo confronto tra Ash Tyler / Voq e Michael Burnham ha aggiunto drammaticità a quella storia.

L’episodio include anche qualche sviluppo nella sottotrama riguardante Paul Stamets (Anthony Rapp), che inizialmente è incolpato dell’omicidio del dottor Hugh Culber (Wilson Cruz). Nel suo caso, il gioco di specchi è solo iniziato ed è tutto da vedere dove le spore porteranno il personaggio e il suo doppelganger.

Anche “Il lupo dentro” termina con un colpo di scena anche se la rivelazione dell’identità dell’Imperatore è forse perfino meno sorprendente della conferma della vera identità di Ash Tyler. In questo caso nel gioco di specchi la scelta ha senso perciò per una volta posso dire di essere davvero soddisfatto di un episodio di “Star Trek: Discovery”. Spero che quest’arco narrativo faccia davvero decollare la serie!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *