Buon compleanno Stephen King!

Stephen King nel 2007
Stephen King nel 2007

Stephen Edwin King (foto ©pinguino k) è nato il 21 settembre 1947 a Portland, nel Maine, negli USA.

L’infanzia di Stephen King venne segnata da due eventi. Quando aveva due anni, suo padre abbandonò la famiglia, costringendo sua madre a fare molti lavori per mantenere i due figli, rimanendo spesso fuori casa per tutto il giorno o di notte. Quando aveva quattro anni, vide un amichetto con cui giocava vicino a una ferrovia travolto da un treno, un evento di cui non ha alcun ricordo.

Quando venne il momento di cominciare le scuole elementari, Stephen King venne colpito dal morbillo e successivamente ebbe vari problemi di salute. Fu in quel periodo che cominciò a leggere molto e a scrivere racconti. Negli anni successivi pubblicò vari racconti e articoli di vario tipo sui giornali scolastici.

Nel 1966 Stephen King andò a studiare inglese all’Università del Maine. Lì incontrò Tabitha, che nel 1971 divenne sua moglie. Nel 1970 i due ebbero la prima figlia, Naomi Rachel. Nel 1972, i due ebbero il loro primo figlio, Joseph Hillstrom. Erano gli anni in cui King stava cercando di diventare uno scrittore professionista ma doveva fare altri lavori per mantenere una famiglia che si stava espandendo.

Nel 1974 la situazione per Stephen King e la sua famiglia cambiò radicalmente quando pubblicò il suo primo romanzo, “Carrie”, che ebbe scarso successo con solo 13.000 copie vendute nell’edizione rilegata salvo poi superare il milione di copie vendute nel primo anno nella versione tascabile. Il romanzo venne adattato per il cinema per la prima volta già nel 1976, ebbe una sorta di seguito nel 1999 e due ulteriori adattamenti, uno nel 2002 e uno nel 2013.

Il successo del suo primo romanzo permise a Stephen King di dedicarsi a tempo pieno alla sua carriera di scrittore ma quegli anni stressanti avevano lasciato il segno in un alcolismo che venne aggravato dalla morte di sua madre. Per alcuni anni però King riuscì a continuare il suo lavoro pubblicando “Le notti di Salem” (“Salem’s Lot”) nel 1975 e “Shining”, conosciuto anche come “Una splendida festa di morte” (“The Shining”) nel 1977. Suo figlio Owen Philip nacque nel 1977.

Sempre nel 1977 Stephen King pubblicò il suo primo romanzo con lo pseudonimo Richard Bachman, “Ossessione” (“Rage”), un thriller / horror psicologico. Anni dopo, chiese al suo editore di non ristamparlo perché venne collegato ad alcune reali sparatorie avvenute in scuole americane.

Ormai diventato famoso, Stephen King pubblicò vari altri romanzi di grande successo che vennero adattati per il cinema e in qualche caso per la televisione. “La zona morta” (“The Dead Zone”) venne adattato in un film del 1983 e l’idea di fondo venne sviluppata in modo diverso in una serie televisiva iniziata nel 2002 e durata 6 stagioni.

Nel 1982 Stephen King pubblicò “L’ultimo cavaliere” (“The Dark Tower I: The Gunslinger”), il primo romanzo della serie della Torre Nera, il frutto dell’unione di cinque racconti pubblicati negli anni precedenti. Il romanzo venne rivisto nel 2003. Negli anni successivi vennero pubblicati sei seguiti e nel 2012 venne pubblicato “La leggenda del vento” (“The Dark Tower: The Wind Through the Keyhole”), che cronologicamente si colloca tra il quarto e il quinto romanzo.

Nel 1983 venne pubblicato “Il talismano” (“The Talisman”), scritto da Stephen King assieme al collega Peter Straub. Il romanzo ha avuto uns eguito nel 2001 con “La casa del buio” (“Black House”).

Nel corso degli anni ’80 la fama di Stephen King continuò a crescere ma i suoi problemi di tossicodipendenza divennero sempre più seri dato che ormai beveva, fumava e assumeva cocaina e vari farmaci. Finalmente, nella seconda metà degli anni ’80 cominciò un lungo trattamento di disintossicazione. Il primo romanzo scritto dopo aver risolto i suoi problemi fu “Cose preziose” (“Needful Things”), pubblicato nel 1991.

Stephen King era ormai considerato il re dell’horror ma nei suoi romanzi c’erano spesso basi di altri generi, dalla fantascienza de “Le creature del buio” (“The Tommyknockers”) al dramma di “Rose Madder“. In parecchi casi le storie hanno almeno in parte come protagonisti bambini o adolescenti, ad sempio “It”.

Nel 1996 Stephen King pubblicò due romanzi legati tra di loro contemporanemente: “Desperation” con il suo nome e “I vendicatori” (“The Regulators”) come Richard Bachman, riprendendo quello pseudonimo dopo oltre un decennio perché era stato scoperto e per la prima volta lo utilizzò senza segreti.

Nel 1998 venne trasmesso l’episodio “Chinga” della quinta stagione di “X-Files“, scritto da Stephen King assieme al creatore e produttore esecutivo della serie Chris Carter.

Il 19 giugno 1999 Stephen King rimase gravemente ferito dopo essere stato investito da un minivan. Lo scrittore fu costretto a limitare per qualche tempo la sua attività ma negli anni riuscì comunque a pubblicare vari romanzi riprendendo anche “Blaze”, scritto negli anni ’70 ma rimasto a lungo inedito, che venne pubblicato con lo pseudonimo Richard Bachman nel 2007.

Negli ultimi anni Stephen King ha ripreso a scrivere con costanza, ad esempio la Trilogia di Mr. Mercedes. Nella prima fase della sua carriera è stato snobbato ma nel corso del tempo anche i critici si sono convinti del valore letterario delle opere di Stephen King, che oggi è considerato molto più che il re dell’horror ma un grande scrittore a prescindere dal genere.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *