I costruttori di Orbitsville di Bob Shaw

I costruttori di Orbitsville di Bob Shaw
I costruttori di Orbitsville di Bob Shaw

Il romanzo “I costruttori di Orbitsville” (“Orbitsville Judgement”) di Bob Shaw è stato pubblicato per la prima volta nel 1990. È il terzo romanzo del ciclo di Orbitsville ed è il seguito di “Ritorno a Orbitsville“. In Italia è stato pubblicato dall’Editrice Nord nel n. 225 di “Cosmo Argento” e all’interno del n. 8 dei “Tascabili Omnibus” nella traduzione di Alessandro Zabini.

Orbitsville è stata spostata ma non è chiaro dove sia finita e i suoi abitanti umani non sanno chi abbia potuto compiere una simile impresa. Per molti di loro però la vita continua perché essa è stata vissuta sempre e solo all’interno dell’immensa sfera perciò per loro essere in un universo o in un altro è uguale.

Jim Nicklin vive una vita noiosa e tendenzialmente solitaria guadagnandosi da vivere riparando elettrodomestici e macchine varie. Casualmente si imbatte in un predicatore che ritiene che lo spostamento di Orbitsville sia un segno della volontà divina. Jim non è interessato alla religione ma quando scoppia la passione per una donna che fa parte della congregazione decide di mollare tutto e unirsi a loro.

“I costruttori di Orbitsville” comincia subito dopo la fine di “Ritorno a Orbitsville”, con l’immenso mondo che nei due secoli precedenti è stato colonizzato dagli esseri umani che improvvisamente viene spostato. Nonostante ciò, Bob Shaw ha scelto di creare nuovi personaggi per l’ultimo romanzo di questa trilogia.

Il grande protagonista di questo romanzo è Jim Nicklin, un tecnico dalla personalità abbastanza particolare che ha la tendenza a raccontare bugie per giustificare certe sue azioni ma finisce per creare pasticci. Nella comunità in cui vive è per molti versi un pesce fuor d’acqua e gli eventi iniziati dopo lo spostamento di Orbitsville gli danno l’occasione per cambiare la sua vita.

Il problema con la trama secondo me comincia proprio con la scelta di raccontarla dal punto di vista di Jim Nicklin. Bob Shaw si è sempre concentrato sui personaggi delle sue storie ma in questo caso il loro sviluppo mi è sembrato inferiore al solito e a volte un po’ goffo nel caso del protagonista.

Quando Jim Nicklin scopre Corey Montane, un predicatore che interpreta lo spostamento di Orbitsville come un segno della volontà divina, non è molto impressionato dalle sue idee. Tuttavia, quando incontra Danea, una donna della sua congregazione, viene preso immediatamente da una tale passione per lei, che sembra ricambiarlo, da vendere tutto ciò che ha, donare i soldi alla congregazione e unirsi ad essa.

Questi eventi mi hanno fatto sembrare la parte iniziale de “I costruttori di Orbitsville” frettolosa, quasi una scusa per mettere in moto la parte più importante della trama. Il predicatore Corey Montane vuole procurarsi un’astronave e Jim Nicklin ha un ruolo importante nella ricerca anche se le cose hanno sviluppi inaspettati.

Alla fine, il romanzo racconta più che altro la storia di Jim Nicklin e i suoi rapporti con Danea e Corey Montane ma sinceramente a me di tutto ciò importa ben poco. Ho trovato quella storia poco interessante e sviluppata in modo a volte rozzo, lasciando la grande storia di ciò che è successo a Orbitsville sullo sfondo.

Solo nell’ultima parte del romanzo i grandi eventi che riguardano quell’immenso mondo diventano centrali ma secondo me è troppo poco e troppo tardi. Jim Nicklin diventa un testimone di quegli eventi e li vede da lontano ma non ne è mai protagonista. Le sue azioni sono soprattutto la conseguenza di ciò che accade all’interno della congregazione di Corey Montane e solo alla fine sono una reazione a ciò che succede a Orbitsville.

Questa scelta secondo me indebolisce la parte finale, che dovrebbe rappresentare il culmine di tutta la trilogia. In realtà già in “Ritorno a Orbitsville” Bob Shaw aveva sviluppato soprattutto la storia dei protagonisti e solo alla fine c’era stato un colpo di scena riguardante Orbitsville. Nel terzo romanzo il risultato è forse anche peggiore.

“I costruttori di Orbitsville” è uno degli ultimi romanzi scritti da Bob Shaw e forse la sua salute stava già declinando tanto da impedirgli di dare il suo meglio. Purtroppo il risultato secondo me è abbastanza deludente perciò penso che valga la pena di leggerlo solo se volete concludere la trilogia di Orbitsville.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *