Scoperti possibili fossili di Homo sapiens di 300.000 anni fa

Ricostruzione tomografica di cranio di Jebel Irhoud (Immagine  Philipp Gunz, MPI EVA Leipzig)
Ricostruzione tomografica di cranio di Jebel Irhoud (Immagine Philipp Gunz, MPI EVA Leipzig)

Due articoli pubblicati sulla rivista “Nature” descrivono diversi aspetti di uno studio riguardante varie ossa fossili tra cui un cranio e una mandibola scoperti in un sito di Jebel Irhoud, in Marocco. Vari ricercatori guidati dal Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia, in Germania, hanno studiato le ossa ma anche resti di animali trovati assieme ad esse per concludere che si tratta di Homo sapiens di circa 300.000 anni fa, oltre 100.000 anni più vecchio dei fossili di Homo sapiens più antichi finora conosciuti.

Il sito di Jebel Irhoud è conosciuto fin dal 1961, quando vi venne trovato il primo teschio fossile di un ominide. Ci furono varie discussioni sull’attribuzione delle ossa perché alcuni ricercatori pensavano si trattasse di un Neanderthal mentre altri pensavano che si trattasse di un Homo sapiens. Nel corso degli anni varie ossa sono state scoperte e anche il paleoantropologo Jean-Jacques Hublin cominciò a interessarsene partecipando a nuovi scavi.

Alla fine del decennio scorso, il team di Jean-Jacques Hublin, che nel frattempo si era unito al Max Planck Institute, trovò oltre 20 ossa appartenenti ad almeno 5 ominidi che includevano frammenti di un cranio e una mandibola praticamente completa assieme a vari strumenti di pietra. Un team di archeologi guidato da Daniel Richter e Shannon McPherron, anch’essi del Max Planck Institute, hanno datato il sito e i resti umani trovati tra i 280.000 e i 350.000 anni con un’età media di 314.000 anni utilizzando una tecnica di termoluminescenza.

Un dente attribuito a un Homo sapiens ritrovato anni fa nel sito di Jebel Irhoud è stato datato con una tecnica radiometrica tra i 254.000 e i 318.000 anni con un picco di probabilità a 286.000 anni. Ciò contraddice una precedente datazione che gli attribuiva “solo” 160.000 anni circa mentre corrisponde all’età di certe specie di zebra, leopardo e antilope i cui resti sono stati trovati nello stesso strato di sedimento.

Se le nuove datazioni sono corrette significa che esistevano Homo sapiens già attorno a 300.000 anni fa mentre finora i più antichi resti di umani moderni erano stati trovati in Etiopia e datati circa 195.000 anni. Tuttavia, i dubbi riguardano l’attribuzione del nuovo cranio perché i tratti sono simili a specie precedenti, in particolare il cranio allungato. Il fatto che i fossili non includano una faccia completa rende difficile questo tipo di valutazione.

Jean-Jacques Hublin ha dichiarato di aver tentato di ottenere DNA dalle ossa di Jebel Irhoud ma senza successo. Al Max Planck Institute sono molto esperti in questo tipo di operazione perciò se non ce l’hanno fatto vuol dire che come minimo dovremo attendere nuovi progressi nelle tecniche genetiche per sperare in nuovi tentativi.

In mancanza di DNA, le discussioni riguardanti la classificazione degli individui che vissero a Jebel Irhoud continuerà basandosi sulle loro caratteristiche anatomiche. Ci saranno sicuramente molte discussioni riguardanti la definizione di essere umano moderno. Nuovi esami di tutti i fossili più antichi attribuiti a Homo sapiens potrebbero portare a definizioni diverse da quella attuale.

Gli studi saranno importanti anche per cercare di capire meglio le varie migrazioni degli ominidi in Africa visto che al momento ci sono tanti fossili di varie specie del genere Homo sparse per il continente. Ogni nuova scoperta porta nuove informazioni anche riguardo alle possibili parentele tra i vari ominidi, una storia complessa ma molto intrigante.

Personale al lavoro a Jebel Irhoud (Foto Shannon McPherron, MPI EVA Leipzig)
Personale al lavoro a Jebel Irhoud (Foto Shannon McPherron, MPI EVA Leipzig)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *