Master of the House of Darts di Aliette de Bodard

Master of the House of Darts di Aliette de Bodard
Master of the House of Darts di Aliette de Bodard

Il romanzo “Master of the House of Darts” di Aliette de Bodard è stato pubblicato per la prima volta nel 2011. È il terzo della serie “Obsidian And Blood” e segue “Harbinger of the Storm“. È al momento inedito in Italia.

La guerra per l’incoronazione dell’imperatore Tizoc si è rivelata un fallimento con la cattura di pochi prigionieri da sacrificare nel corso delle grandi cerimonie da tenere per celebrare quell’evento. Come se non bastasse, uno dei prigionieri muore improvvisamente e la causa sembra di origine magica.

Il Gran Sacerdote dei Morti Acatl ha già compiuto diverse indagini su delitti connessi alla magia e all’intervento di qualche divinità ma la situazione è davvero delicata. Tizoc è diventato imperatore in circostanze uniche e se non riuscirà ad assicurarsi il favore degli dei le prospettive per il futuro sono di gravi instabilità.

“Master of the House of Darts” continua la serie fantasy ambientata nell’impero azteco con il Gran Sacerdote dei Morti Acatl come protagonista. In quest’universo narrativo, la religione con i suoi riti di sangue non ha un’origine nella superstizione bensì perché l’elemento magico e gli dei esistevano davvero.

Alla fine di “Harbinger of the Storm” l’impero azteco aveva raggiunto un nuovo equilibrio ma non esattamente stabile. L’incoronazione dell’imperatore Tizoc avrebbe dovuto portare la stabilità con una serie di sacrifici per ottenere il favore degli dei ma la guerra è un fallimento, con pochi prigionieri.

La morte di uno dei prigionieri aggiunge ulteriori problemi, tanto più perché la sua causa è in un intervento magico che comincia a diffondersi come un’epidemia. C’è il rischio che anche la corte imperiale venga colpita con prospettive che diventano rapidamente catastrofiche per il futuro dell’impero.

Acatl, il Gran Sacerdote dei Morti già protagonista dei precedenti romanzi, deve ancora una volta lavorare come investigatore per scoprire la causa di quell’epidemia magica e trovare una soluzione. Il sospetto che dietro quell’attacco ci sia una divinità che intende stravolgere gli equilibri di potere aggiunge difficoltà e pericoli.

Le avventure di Acatl erano cominciate come un mix tra giallo e fantasy nell’ambientazione esotica dell’impero azteco ma già in “Harbinger of the Storm” gli elementi di intrigo politico erano importanti. In “Master of the House of Darts” questa caratteristica è ancora più pronunciata perché attorno alla corte imperiale si sviluppano vari scontri per il potere.

Non è passato molto tempo dalla fine del secondo romanzo e l’evoluzione in alcuni personaggi è dovuta soprattutto a nuove posizioni di potere. Mihmatini, la sorella di Acatl, e soprattutto Teomitl, ex studente di Acatl, sono ascesi a posizioni importanti e in “Master of the House of Darts” la loro presenza è davvero importante. Sono i personaggi che maggiormente mostrano come Aliette de Bodard ne abbia curato lo sviluppo nel corso dei tre romanzi.

La trama di “Master of the House of Darts” diventa rapidamente intensa perché anche i protagonisti sono minacciati dalla misteriosa epidemia magica. L’impero è in pericolo e Acatl fa più fatica che mai a destreggiarsi tra contatti con divinità e intrighi politici. Nel corso del tempo si è abituato alle attività della corte ma in un periodo di crisi è più che mai difficile distinguere gli alleati dai nemici.

Secondo me, come nei romanzi precedenti, Aliette de Bodard è abile a gestire i limiti nella magia e anche nei poteri delle divinità, che non sono onnipotenti. Ciò permette di creare una storia in cui anche gli elementi soprannaturali hanno una certa logica e permettono mosse e contromosse. Si tratta di un elemento fondamentale in un romanzo basato sul mistero dell’epidemia magica.

“Master of the House of Darts” contiene meno azione rispetto al romanzo precedente proprio perché è più concentrato su un mistero soprannaturale e su intrighi politici. Anche in questo caso è narrato in prima persona dal punto di vista di Acatl perciò gli eventi e i ruoli dei personaggi nella vicenda diventano chiari al lettore quando il protagonista scopre le informazioni necessari a spiegarli.

Se c’è un difetto in questo romanzo è che Acatl sembra fin troppo spesso faticare a ottenere le informazioni che gli servono dalle persone che interroga perché anche quelle mosse da motivazioni innocenti sembrano non collaborare con lui. Certe conversazioni sono forse un po’ ripetitive e rallentano il ritmo. È un piccolo difetto in un romanzo che in generale mantiene i pregi dei precedenti.

“Master of the House of Darts” è in tutto e per tutto la continuazione di “Harbinger of the Storm”, nel senso che gli eventi del terzo romanzo sono la diretta conseguenza di quelli del secondo. La conseguenza è che è necessario leggere entrambi i romanzi per capire bene quella che è una storia più grande ma io consiglio di leggere tutta la trilogia Obsidian and Blood perché si tratta di una saga fantasy di buonissima qualità con storie ben strutturate e personaggi ben sviluppati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *