Domani il mondo cambierà o Stazioni delle maree di Michael Swanwick

Domani il mondo cambierà di Michael Swanwick
Domani il mondo cambierà di Michael Swanwick

Il romanzo “Domani il mondo cambierà”, conosciuto anche come “Stazioni delle maree”, (“Stations of the Tide”) di Michael Swanwick è stato pubblicato per la prima volta tra il 1990 e il 1991 in due parti sulla rivista “Isaac Asimov’s Science Fiction Magazine” e nel 1991 come libro. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno. In Italia è stato pubblicato da Phoenix Enterprise Publishing Company come “Stazioni delle maree” nel n. 1 della “Isaac Asimov Science Fiction Magazine” nella traduzione di Enrico Fornaroli e da Mondadori come “Domani il mondo cambierà” nei nn. 1236 e 1642 di “Urania” nella traduzione di Marco Pinna. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Il burocrate è stato inviato su Miranda per catturare Gregorian, un nativo che ha studiato su altri pianeti e ha portato tecnologie proibite su Miranda, un mondo in quarantena. Ciò alla vigilia di una serie di forti cambiamenti climatici dovuti alla particolare configurazione astronomica del pianeta che lo porteranno a essere quasi completamente sommerso dalle acque.

L’indagine del burocrate è resa complessa da una serie di fattori come la cultura unica che si è sviluppata sul pianeta Miranda. Gregorian è un mago che promette di trasformare i nativi in creature in grado di vivere nell’oceano. Per trovarlo bisogna capirlo e il burocrate cerca la sua famiglia e le persone che hanno studiato la magia assieme a lui, finendo per cominciare una relazione con una strega.

All’inizio di “Domani il mondo cambierà” il lettore viene lanciato sul pianeta Miranda assieme al burocrate. Michael Swanwick non perde tempo a entrare nella trama di un romanzo piuttosto breve per gli standard odierni che da subito mostra la complessità di temi, ispirazioni ad altre opere e personaggi che spesso non sono ciò che sembrano.

Miranda è il primo dei richiami a “La tempesta” di William Shakespeare, un’opera che già ha riferimenti a miti precedenti. In “Domani il mondo cambierà” c’è un uomo che ha portato tecnologie proibite sul suo pianeta, un richiamo al mito di Prometeo. Questi sono solo alcuni elementi che danno un sapore fantasy a un romanzo di fantascienza.

Oltre all’elemento mitico c’è anche quello magico. Sul pianeta Miranda la magia fa parte della cultura locale e Gregorian è un mago ma tutto ciò non va inteso in senso letterale. Fin dalla prima parte del romanzo si vede che maghi e streghe sono più simili a sciamani e praticano discipline come il tantrismo.

Questo tipo di sfumature nei personaggi è ancora più marcato nel protagonista, che è conosciuto solo come il burocrate, senza che venga mai rivelato il suo nome o il suo cognome. Si tratta di un’etichetta con una connotazione molto marcata eppure fin dall’inizio il suo comportamento è praticamente del tutto opposto a quello di un burocrate.

L’atteggiamento del burocrate si vede fin dall’inizio della sua indagine, quando comincia una relazione con una donna locale, una strega che è stata un’apprendista assieme a Gregorian. Quando gli viene chiesto di rendere conto di quel comportamento, spiega che applicando alla lettera i metodi del manuale non avrebbe combinato nulla.

Quella parte del romanzo è esplicitamente erotica ed è anche una di quelle che mostrano i cambiamenti che possono avvenire nei personaggi. Si tratta di uno dei temi più importanti di “Domani il mondo cambierà”, dove la trasformazione di un pianeta rispecchia quella di tanti personaggi. Il pianeta sta per essere quasi completamente sommerso dalle acque ma ciò può portare a una rinascita più che a una morte.

Le trasformazioni che avvengono nel corso del romanzo sono esteriori nel pianeta e interiori nei personaggi. Il viaggio del burocrate nel corso della sua indagine è anche interiore in un’introspezione che lo porta a esplorare anche il lato oscuro dell’umanità e in particolare di Gregorian, tanto che “Domani il mondo cambierà” è stato paragonato anche a “Cuore di tenebra” di Joseph Conrad. In alcuni casi più che una trasformazione c’è una rivelazione di ciò che un personaggio nasconde.

Stazioni delle maree di Michael Swanwick
Stazioni delle maree di Michael Swanwick

Tutto ciò crea un romanzo sofisticato e intrigante ma a volte poco omogeneo, con le varie parti un po’ disconnesse. Il risultato è che volte sembra di leggere una serie di racconti separati più che un romanzo. Forse sarebbe stato necessario allungare il romanzo per avere maggiore armonia tra le varie parti e magari per sviluppare pienamente tutti gli elementi.

Alla fine, “Domani il mondo cambierà” è pieno di idee in cui c’è un po’ di azione ma ci sono soprattutto introspezione e riflessioni. Secondo me è tutt’altro che perfetto ma se vi piacciono i romanzi basati soprattutto sulle idee che vanno oltre banali etichette di genere, questo è uno di quelli da leggere e da rileggere per coglierne le tante sfumature.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *