Forse un gigantesco pterosauro dominava la Transilvania alla fine del Cretaceo

Ricostruzione di Hatzegopteryx thambema (Immagine  Mark Witton)
Ricostruzione di Hatzegopteryx thambema (Immagine Mark Witton)

Un articolo pubblicato sulla rivista “PeerJ” descrive una ricerca su uno pterosauro gigante che visse nell’odierna Transilvania nell’ultima parte del periodo Cretaceo. Chiamato Hatzegopteryx thambema, secondo i dottori Mark Witton dell’Università di Portsmouth e Darren Naish dell’Università di Southampton che ne hanno esaminato i resti fossili, poteva essere il predatore dominante nel suo ambiente.

I primi resti di Hatzegopteryx thambema sono stati scoperti nel 2002 sull’Isola di Hateg, nell’odierna Transilvania, Romania. Si tratta di un’antica isola che esisteva nel Cretaceo superiore dove sono state scoperte varie specie di dinosauri ma generalmente erano versioni più piccole delle specie che vivevano sulla terraferma mentre questo pterosauro rappresenta un caso opposto. Questi rettili volanti potevano raggiungere notevoli dimensioni, in questo caso non solo l’apertura alare stimata tra i 10 e i 12 metri era notevole ma esso aveva un collo molto robusto.

L’Hatzegopteryx thambema è stato classificato come parte della famiglia degli azhdarchidi (Azhdarchidae), tra gli ultimi membri dell’ordine degli pterosauri ad evolversi diversificandosi in varie specie che si diffusero in tutto il mondo nel Cretaceo superiore. A questa famiglia appartiene il Quetzalcoatlus northropi, uno dei più celebri per l’apertura alare che poteva raggiungere i 16 metri circa. Gli azhdarchidi scomparvero nella grande estinzione avvenuta circa 66 milioni di anni fa assieme ai dinosauri.

Dopo i primi ritrovamenti, che inclusero solo una parte del cranio e di un omero, vennero trovate altre ossa classificate come appartenenti a Hatzegopteryx thambema. Lo studio di queste ossa compiuto da Mark Witton e Darren Naish illustra le differenze rispetto ad altri azhdarchidi giganti come il Quetzalcoatlus northropi ma anche l’Arambourgiania philadelphiae. In particolare, essi avevano un collo lungo e sottile mentre l’Hatzegopteryx thambema aveva un collo più corto e robusto.

Quel collo è connesso ad altre differenze riscontrate nell’Hatzegopteryx thambema rispetto ad altri azhdarchidi perché le ossa hanno una struttura spugnosa invece di essere cave e sono collegate tramite grandi muscoli a un largo cranio. Sono queste le caratteristiche che secondo i ricercatori indicano che questo pterosauro fosse un potente predatore e che potesse essere perfino un superpredatore su un’isola dove non sono stati trovati resti di altri grandi predatori.

È possibile che la mancanza di grandi predatori abbia favorito lo sviluppo di pterosauri giganti come l’Hatzegopteryx thambema permettendo loro di diventare i dominatori del loro ecosistema. Purtroppo i dati disponibili sono limitati perché sono disponibili solo alcune parti di quest’animale e ancora una volta ci sono voluti anni di lunghi esami per capirne qualcosa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *