The Stealers of Dreams di Steve Lyons

The Stealers of Dreams di Steve Lyons
The Stealers of Dreams di Steve Lyons

Il romanzo “The Stealers of Dreams” di Steve Lyons è stato pubblicato per la prima volta nel 2005. È al momento inedito in Italia.

Il Nono Dottore, Rose Tyler e il Capitano Jack Harkness stanno visitando un pianeta colonizzato dagli esseri umani dove la situazione non sembra molto allegra. Qualsiasi forma di opera di fantasia è vietata perciò ad esempio sui canali televisivi vengono trasmesse solo news e documentari.

I viaggiatori scoprono che esiste un movimento clandestino che diffonde letteratura e un uomo che si fa chiamare Hal Gryden diffonde trasmissioni televisive pirata. Il Dottore e i suoi compagni cercano di capire l’origine di quella situazione, che si rivela più complessa di quanto pensassero.

“The Stealers of Dreams” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

Questo romanzo è ambientato nel corso della prima stagione della nuova serie di “Doctor Who”, dopo che il Nono Dottore e Rose Tyler hanno incontrato il Capitano Jack Harkness e lui ha cominciato a viaggiare assieme a loro. Per una volta, il Dottore porta Rose e Jack su un altro pianeta, dove però la situazione non è esattamente idilliaca.

Ben presto i viaggiatori si rendono conto che nella colonia umana esistente sul pianeta ogni forma di fantasia è considerata una bugia e quindi vietata. Ciò significa che ogni forma di letteratura ma anche altre forme di arte come film e telefilm sono proibiti. Perfino i sogni sono inseriti tra le bugie e quindi soppressi tramite medicinali.

Inizialmente, il romanzo è sviluppato quasi completamente come la storia di una società distopica. Ciò comprende anche un movimento di resistenza con il suo leader Hal Gryden che diffonde trasmissioni televisive pirata. Ci sono persone che non sono necessariamente interessate a combattere lo stato della società della colonia ma si scambiano opere letterarie perché le apprezzano.

Questi sono classici elementi di una storia distopica ma ce ne sono altri che fin dall’inizio fanno pensare che la situazione sul pianeta sia più complessa. Il primo capitolo riguarda un’adolescente che ha visioni di un mostro, una parte della trama che viene chiarita solo nella seconda parte del romanzo.

In una distopia ci si aspetta un governo che mantiene il controllo sulla popolazione, a volte in maniera subdola piuttosto che usando apertamente la forza contro le deviazioni dalle leggi. In “The Stealers of Dreams” sembra invece che la maggioranza della popolazione sia davvero convinta della bontà delle leggi contro la fantasia e che le persone che la usano vadano ricoverate in un ospedale psichiatrico.

Steve Lyons sviluppa la trama separando i protagonisti perciò ognuno di loro scopre diverse parti del mistero attorno alla strana società del pianeta. Nella parte centrale ciò crea una certa frammentazione nella storia e di conseguenza ci può essere un po’ di confusione ma il romanzo non è molto lungo perciò il lettore arriva presto a un punto in cui i vari pezzi cominciano a combinarsi.

“The Stealers of Dreams” è focalizzato in particolare sul mistero della società del pianeta, un puzzle di cui il Dottore e i suoi compagni devono mettere assieme i pezzi per risolverlo. Per questo motivo, è orientato soprattutto alla trama con un’attenzione limitata ai personaggi.

La conseguenza è che questo non è il romanzo in cui i protagonisti risaltano al loro meglio. Oguno di loro ha i suoi momenti ma potrebbero essere facilmente sostituiti da un altro Dottore e da altri compagni. Steve Lyons ha creato un paio di personaggi interessanti tra gli abitanti del pianeta che inizialmente possono sembrare bizzarri ma nella parte finale del romanzo aiutano a capire la loro società.

“The Stealers of Dreams” è un tipo di romanzo che richiede un po’ di pazienza e, pur non essendo una normale distopia, contiene un messaggio in favore di arte e fantasia. Ha qualche difetto ma complessivamente mi è sembrato buono e lo consiglio in particolare a chi apprezza quel tipo di storia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *