R.I.P. John Hurt

John Hurt nel 2015
John Hurt nel 2015

Ci ha lasciati l’attore John Hurt (foto ©Walterlan Papetti).

John Hurt nacque il 22 gennaio 1940 a Chesterfield, in Inghilterra. La sua passione per la recitazione nacque quand’era ancora bambino ma su pressioni della famiglia andò a studiare arte alla Grimsby Art School. A 20 anni decise di diventare attore ed entrò nella Royal Academy of Dramatic Art grazie a una borsa di studio.

Negli anni ’60, John Hurt cominciò ad avere parti in alcune serie televisive e in film, a cominciare da “Young and Willing” (“The Wild and the Willing”) del 1962. Il suo primo ruolo importante arrivò nel film “Un uomo per tutte le stagioni” (“A Man for All Seasons”) del 1966, che vinse molti premi e gli valse la prima nomination al premio BAFTA. Vinse quel premio per il suo ruolo nel film TV “The Naked Civil Servant” del 1975.

Gli anni successivi portarono grandi successi a John Hurt con ruoli come quello di Caligola nella mini-serie “I, Claudius” del 1976 e altri rimasti celebri in film come “Fuga di mezzanotte” (“Midnight Express”) del 1978, per il quale vinse il Golden Globe e il BAFTA, “Alien” del 1979, “The Elephant Man” di David Lynch del 1980 e “Orwell 1984” (“Nineteen Eighty-Four”) del 1984.

La filmografia di John Hurt è davvero lunghissima e nel corso degli anni ha partecipato anche a una serie di produzioni televisive. Nel 2001 cominciò a interpretare il ruolo di Olivander nella saga di Harry Potter nel film “Harry Potter e la pietra filosofale” (“Harry Potter and the Philosopher’s Stone”). Nel film successivo le sue scene vennero tagliate ma riapparve in “Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1” (“Harry Potter and the Deathly Hallows – Part 1”) del 2010 e “Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2” (“Harry Potter and the Deathly Hallows – Part 2”) del 2011.

Nel frattempo, John Hurt ebbe ruoli in tanti altri film come “The Skeleton Key” del 2005, “V per Vendetta” (“V for Vendetta”) del 2005, “Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo” (“Indiana Jones and the Kingdom of the Crystal Skull”) di Steven Spielberg e “Snowpiercer” del 2013.

Tra le partecipazioni televisive di spicco di John Hurt c’è certamente quella nel ruolo del Dottore della Guerra in “Doctor Who” tra i protagonisti dell’episodio speciale per il 50° anniversario della serie “Il giorno del Dottore” (“The Day of The Doctor”). L’attore riprese quel ruolo in alcune avventure audio.

Nel giugno 2015 John Hurt annunciò di essere ammalato di cancro al pancreas. Nell’ottobre 2016 annunciò che il cancro era in remissione. Non ci sono notizie ufficiali riguardo all’eventuale collegamento tra quella malattia e la sua morte.

Nei prossimi mesi è prevista l’uscita di alcuni altri film con John Hurt nel cast. Saranno le ultime possibilità di vederlo in nuovi ruoli e poi dovremo riguardare le tantissime produzioni a cui ha partecipato nel corso di una lunghissima e straordinaria carriera.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *