Buon compleanno Sylvester Stallone!

Sylvester Stallone nel 2014
Sylvester Stallone nel 2014

Sylvester Gardenzio Stallone (foto ©Michael Schilling) è nato il 6 luglio 1946 a New York City, New York, negli USA.

Nel corso dell’adolescenza Sylvester Stallone ha sofferto di vari problemi fisici ma praticando vari sport riuscì a ottenere una borsa di studio all’American College in Svizzera. Fu lì che cominciò a recitare in spettacoli teatrali per poi cominciare a studiare arte drammatica all’Università di Miami.

I primi tempi della carriera di Sylvester Stallone furono molto difficili e a volte scrisse sceneggiature per guadagnare qualche soldo. Nel 1970 appare per la prima volta al cinema ma si trattava di un porno-soft di cui accettò il protagonista per guadagnare qualche soldo perché era rimasto senza alternative.

Pian piano, Sylvester Stallone riuscì a ottenere ruoli in film rispettabili, anche di alto livello. Inizialmente si trattò di piccole parti come in “Una squillo per l’ispettore Klute” (“Klute”) e ne “Il dittatore dello stato libero di Bananas” (“Bananas”) ma nel 1974 fu tra i protagonisti di “Happy Days – La banda dei fiori di pesco” (“The Lord’s of Flatbush”). Seguirono altri piccoli ruoli, anche in episodi di serie televisive.

La grande svolta arrivò con il film del 1976 “Rocky”. Sylvester Stallone scrisse la sceneggiature ma voleva interpretarne il protagonista perciò rifiutò un’offerta di 350.000 dollari da produttori che volevano usare altri attori pur avendo bisogno di soldi. Alla fine, Stallone riuscì a produrre il film come voleva lui e il risultato fu l’assegnazione del premio Oscar come Miglior film, Miglior regia e Miglior montaggio oltre al Golden Globe come Miglior film drammatico e una serie di altri premi.

Grazie alla fama così conquistata, Sylvester Stallone interpretò il protagonista di “F.I.S.T.” del 1978 ma potè anche produrre e dirigere il film “Taverna paradiso” (“Paradise Alley”), basato su un romanzo scritto da lui stesso.

Nel 1979, uscì il primo seguito del suo primo grande successo, “Rocky II”, di cui Sylvester Stallone fu anche regista. Nel 1981 uscirono “I falchi della notte” (“Nighthawks”) e “Fuga per la vittoria” (“Victory”).

Nel 1982 fu la volta di un altro sequel, “Rocky III”, di cui Stallone fu anche sceneggiatore e regista. Nello stesso anno cominciò l’altra serie di film per cui l’attore è celebre con “Rambo” (“First Blood”).

Sylvester Stallone ha continuato a mischiare i generi e i lavori: nel 1983 uscì “Staying Alive”, di cui fu autore, regista e produttore, mentre nel 1984 passò alla commedia “Nick lo scatenato” (“Rhinestone”), di cui fu protagonista e sceneggiatore.

Nel 1985 arrivarono altri due seguiti con “Rocky IV” e “Rambo 2 – La vendetta” (“Rambo: First Blood Part II”). Sempre più ha recitato in film d’azione come “Cobra” del 1986, di cui fu anche sceneggiatore, “Rambo III” del 1988, di cui fu anche sceneggiatore, “Tango & Cash” del 1989, e “Sorvegliato speciale” (“Lock Up”) del 1989.

Dopo “Rocky V” del 1990, Sylvester Stallone ha cercato ruoli più da commedia come in “Oscar – Un fidanzato per due figlie” (“Oscar”) del 1991 e “Fermati, o mamma spara” (“Stop! Or My Mom Will Shoot”) del 1992 ma senza grande successo. È quindi tornato a ruoli d’azione, anche di fantascienza come in “Demolition Man” del 1993 e “Dredd – La legge sono io” (“Judge Dredd”) del 1995.

Negli anni successivi Sylvester Stallone sembrava aver perso la sua grande popolarità con la conseguenza che i suoi film non hanno avuto più grande successo. Per cercare di rimediare, è tornato ai suoi personaggi più celebri con “Rocky Balboa” del 2006 e “John Rambo” (“Rambo”) del 2008. Di entrambi i film è stato anche sceneggiatore e regista.

Questi nuovi successi hanno riportato in auge la fama di Sylvester Stallone, aiutando a promuovere i film degli ultimi anni come “I mercenari – The Expendables” (“The Expendables”) del 2010, di cui è stato anche regista, e i suoi seguiti “I mercenari 2” (“The Expendables 2”) del 2012 e “I mercenari 3” (“The Expendables 3”) del 2014. Di questi tre film è stato anche sceneggiatore. Nel 2015 è uscito un altro capitolo della saga di Rocky con “Creed – Nato per combattere” (“Creed”), di cui Stallone è stato anche produttore.

Sylvester Stallone ha ancora vari progetti in varie fasi di produzione perché continua a lavorare. Ha dichiarato che la sua carriera è costituita per gran parte di fallimenti con una piccola percentuale di successi. Ha lavorato duramente per ottenere quei successi dimostrando che bisogna credere nei propri progetti. I personaggi di Rocky Balboa e John Rambo sono già diventati icone del cinema.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *