Un nuovo sito per ospitare gli scritti di Albert Einstein

La home page del sito Digital Einstein Papers
La home page del sito Digital Einstein Papers

Una collaborazione tra l’Università americana di Princeton e l’israeliana Università ebraica di Gerusalemme ha permesso di mettere on line oltre 80.000 pagine di documenti scritti da Albert Einstein nel progetto Digital Einstein. I documenti corrispondono ad una serie di libri cartacei pubblicati negli anni scorsi dalla Princeton University Press.

Non si tratta dell’unico progetto che ha lo scopo di rendere disponibili a tutti gli scritti del grande scienziato. Già negli anni scorsi l’Università di Gerusalemme ha creato gli “Einstein Archives Online”. Entrambi i progetti sono portati avanti con la collaborazione del CalTech e includono non solo articoli scientifici ma anche lettere e altri scritti personali.

L’annuncio della disponibilità on line di migliaia di documenti in un sito chiamato “The Digital Einstein Papers” è il frutto di un lavoro cominciato nel 1986. I ricercatori che all’epoca curarono la pubblicazione dei volumi cartacei, intitolati “The Collected Papers”, misero ordine in una serie di lettere, blocchi note, diari, perfino cartoline e documenti vari. Molti documenti vennero scritti in tedesco e sono ora disponibili assieme alla traduzione in inglese.

Ora la Princeton University Press dà a tutti la possibilità di leggere una versione digitalizzata on line dei documenti già pubblicati in versione cartacea. Chiunque può studiare lo scienziato ma anche imparare a conoscere l’uomo perché le lettere includono molte opinioni personali e tra di esse ci sono anche lettere d’amore. Ci sono anche i documenti del divorzio dalla sua prima moglie.

Ulteriori documenti verranno resi disponibili online dopo la pubblicazione di nuovi volumi cartacei di “The Collected Papers”. Alla fine, il sito fornirà accesso a tutti gli scritti di Albert Einstein, che verranno accompagnati da commenti di studiosi. Tra i link sotto il titolo del sito c’è “How to”, che rimanda a una mini-guida che spiega cos’è possibile trovare nell’archivio e come utilizzarne le funzioni. Ci sono varie funzioni di ricerca per chi volesse trovare qualcosa di specifico tra i documenti on line.

I primi documenti vennero scritti quando Albert Einstein era solo un ragazzo perciò la loro lettura permette anche di comprendere meglio le sue esperienze. Sono comprese le sue ricerche scientifiche e scritti che riguardano la vittoria del premio Nobel, la sua vita amorosa, il suo impegno pacifista e molto altro. Anche le lettere scambiate con altri scienziati mescolano considerazioni scientifiche e altre personali.

Per certi versi, il sito “The Digital Einstein Papers” è un doppione degli “Einstein Archives Online”. Tuttavia, gli sviluppatori di Princeton sembrano aver curato in maniera migliore l’accessibilità del nuovo sito. Ciò potrebbe costituire un’opportunità ancora migliore per conoscere meglio Albert Einstein.



2 Comments


    1. Sembra una tendenza degli ultimi anni creare siti per ospitare le opere ma anche gli scritti personali di vari scienziati. In questo modo è più facile per chiunque conoscerli meglio.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *