Partecipate anche voi alle ricerche sul bosone di Higgs!

Una delle immagini sul sito Higgs Hunters
Una delle immagini sul sito Higgs Hunters

Pochi giorni fa, il CERN ha aperto il portale Open Data, dove sono stati messi a disposizione di chiunque dati sugli esperimenti del Large Hadron Collider (LHC). Ora una collaborazione tra l’Università of Oxford, l’Università di New York, L’Università of Birmingham, il progetto Zooniverse e l’esperimento ATLAS del CERN hanno portato alla creazione del progetto Higgs Hunters che permette a chiunque di collaborare alle ricerche sul bosone di Higgs.

Il sito Higgs Hunters contiene oltre 25.000 immagini di LHC che mostrano particelle che viaggiano a velocità vicine a quella della luce. Esse mostrano il decadimento del bosone di Higgs in nuove particelle e tra queste ce ne potrebbe essere un nuovo tipo finora mai osservato.

Le immagini mostrano come le particelle appaiono nel rivelatore ATLAS. Ci sono varie linee che mostrano le tracce delle traiettorie delle particelle mentre si spostano da una collisione. Esse vengono analizzate dai computer ma gli esseri umani rimangono i migliori nel trovare anomalie che possono portare alla scoperta di nuove particelle.

Ai volontari che vogliono esaminare le immagini sul sito Higgs Hunters viene chiesto di cercare tracce che appaiono “dal nulla” lontano dal centro. Le anomalie vanno marcate in modo che possano essere ulteriormente studiate dagli scienziati dell’esperimento ATLAS. Un piccolo tutorial è stato creato per permettere ai volontari di capire come esaminare i diversi tipi di immagini proposte.

La speranza è di trovare anomalie nelle immagini che i computer non sono in grado di rilevare. Questa forma di crowdsourcing potrebbe permettere un’analisi delle immagini in breve tempo se ci saranno abbastanza volontari. In realtà non c’è fretta perché le prossime analisi verranno effettuate ripetendo certi esperimenti quando la riaccensione di LHC verrà completata nel corso del 2015. A quel punto, gli scienziati del CERN potranno effettuare i loro esperimenti a energie ancora più elevate.

Trovare nuove particelle è sempre importante per ottenere progressi nel campo della fisica e dell’astrofisica. Dopo le scoperte sul bosone di Higgs degli ultimi anni, siamo in un momento che davvero potrebbe influenzare il futuro in maniera fondamentale, non solo dal punto di vista scientifico. Nuove scoperte potrebbero avere profonde influenze sulle prossime tecnologie e anche voi potete dare il vostro contributo.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *