Fabiola Gianotti è stata nominata nuovo direttore generale del CERN

Fabiola Giannotti al rivelatore ATLAS (Foto cortesia Claudia Marcelloni/CERN. Tutti i diritti riservati)
Fabiola Giannotti al rivelatore ATLAS (Foto cortesia Claudia Marcelloni/CERN. Tutti i diritti riservati)

Il CERN ha annunciato la nomina della scienziata italiana Fabiola Gianotti come nuovo direttore generale. La formalizzazione avverrà nella sessione di dicembre del Consiglio dei delegati che governa il CERN. Il mandato della Dottoressa Gianotti comincerà il 1 gennaio 2016 e avrà una durata di cinque anni. Sarà la prima donna a ricoprire quella carica.

Fabiola Gianotti si è laureata in fisica sub-nucleare e ha successivamente conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università Statale di Milano. Il suo interesse per la fisica è cominciato leggendo la biografia di Marie Curie e la spiegazione di Albert Einstein dell’effetto fotoelettrico. Un’ulteriore ispirazione è arrivata quando Carlo Rubbia vinse il Premio Nobel.

Il lavoro di Fabiola Gianotti al CERN è cominciato nel 1987 ma la sua partecipazione più importante è quella all’esperimento ATLAS (A Toroidal LHC ApparatuS), cominciata nel 1992. È stata coordinatrice di ATLAS dal 1999 al 2003 e nuovamente dal 2009 al 2013.

Proprio lavorando all’esperimento ATLAS, Fabiola Gianotti è stata coinvolta nella ricerca del bosone di Higgs. Nel 2012, assieme al portavoce dell’esperimento CMS (Compact Muon Solenoid) ha annunciato le scoperte che hanno portato le prove dell’esistenza di questa particella.

C’erano tre candidati alla carica di direttore generale del CERN, tutti di altissimo livello, ma il Consiglio ha scelto rapidamente Fabiola Gianotti. La presidentessa del Consiglio Agnieszka Zalewska ha detto che la scelta è stata dettata dalla visione per il futuro del CERN della Dottoressa Gianotti assieme alla sua profonda conoscenza del CERN e del campo della fisica sperimentale delle particelle.

Nella conferenza stampa tenuta per l’occasione, Fabiola Gianotti ha dichiarato di sperare che la sua nomina rappresenti un incoraggiamento per un numero maggiore di giovani ragazze a scegliere la strada della ricerca. Il CERN celebra la differenza come ricchezza per l’umanità avendo scienziati da tutte le parti del mondo, la presenza di più donne sarebbe un ulteriore arricchimento.

Fabiola Gianotti dovrà gestire i prossimi lavori del Large Hadron Collider dopo la sua riaccensione. I nuovi studi sul bosone di Higgs saranno uno dei lavori fondamentali ma ce ne saranno anche altri. La Dottoressa Gianotti ha già ampiamente dimostrato la sua competenza perciò il CERN è in buone mani.



4 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *